Trump presidente: guerriglia urbana a Porland (Dire)
Trump presidente: guerriglia urbana a Porland (Dire)

New York, 11 novembre 2016 - Continuano le proteste contro Trump presidente, tre giorni dopo le elezioni Usa. L'incontro più che cordiale con Barack Obama alla Casa Bianca e i toni gentili usati dal tycoon non sono bastati a placare gli animi. Ieri in migliaia erano scesi in piazza a New York. 

Oggi una vera e propria "rivolta" è in corso a Portland. Così l'ha definita la polizia dell'Oregon che ha fatto sapere di aver caricato i manifestanti e di aver usato pallottole di gomma e spray urticante. Sui social media sono state diffuse foto di auto distrutte e vetrine in frantumi. Al momento sono una trentina le persone arrestate. Cortei di protesta si sono tenuti anche a Los Angeles, Philadelphia, Minneapolis, BaltimoraDenver, Washington e in altre città degli Stati Uniti. Plaude alla vittoria del magnate invece il movimento della destra oltranzista Ku Klux Klan, che annuncia una contro-manifestazione in North Carolina per festeggiare il nuovo presidente. 

image

In un messaggio diffuso via Twitter, Trump punta il dito contro i mezzi di informazione: "Abbiamo appena avuto un'elezione aperta e di successo. Ora i professionisti della protesta, aizzati dai media, contestano. E' molto ingiusto". Poi l'ironia in un secondo tweet: "Adoro il fatto che piccoli gruppi di manifestanti abbiano passione per il nostro grande paese".