Trump ospite di Obama alla Casa Bianca (Afp)
Trump ospite di Obama alla Casa Bianca (Afp)

Washington, 10 novembre 2016 - Donald Trump alla Casa Bianca, per ora solo come ospite. A due giorni dalle elezioni Usa 2016 che l'hanno visto trionfante sulla Clinton, il neo eletto presidente degli Stati Uniti incontra nello Studio Ovale il presidente uscente Barack Obama: un primo passaggio simbolico di testimone prima del giuramento che avverrà a gennaio. Il magnate è volato dalla sua Trump Tower di Manhattan (New York) a Washington a bordo del suo aereo privato. Il colloquio è durato poco più di mezz'ora. Contemporaneamente, ma separatamente, Michelle Obama ha ricevuto la nuova first lady, Melania Trump

Non è la prima volta alla Casa Bianca per Trump. Il tycoon giovanissimo fu ospite dell'allora presidente Ronald Regan: era il 1987 (foto sotto). 

Trump alla Casa Bianca con il presidente Ronald Reagan. Era il 1987 (Dire/Twitter)OBAMA? GRAN BRAVA PERSONA - "Un'eccellente conversazione". Così Obama ha definito il faccia a faccia con il successore cui ha promesso di fare "tutto il possibile" affinché abbia successo. Trump ha ricambiato la gentilezza di Obam e usando toni presidenziali si è detto "impaziente di lavorare con il presidente" Obama, che ha descritto come "a very good man" (una gran brava persona). Uno scambio di cortesie ricco di formalità, che segna il considdetto periodo di transizione, regolato da norme molto precise. 

image

TRANSIZIONE PACIFICA? Tra Obama e Trump non corre certo simpatia. Ma dopo aver sostenuto Hilllary con i toni aspri della campagna elettorale, ora Obama chiede una "transazione pacifica". Nel suo discorso a commento risultato elettorale ha lanciato un appello all'unità. "Dobbiamo tifare Trump" ha chiesto ai cittadini. "Siamo prima di tutto una squadra sola: vogliamo il meglio per questo paese". Ma la reazione nelle metropoli, che hanno votato principalmente l'ex first lady, non è mancata. Decine di migliaia gli americani che sono scesi in piazza stanotte per protestare contro 'The Donald'. 

TRUMP PROTESTA_18445611_083212

PRONTO A CANCELLARE LE RIFORME DI BARACK - Al di là dei sorrisi e delle strette di mano di oggi, quello di Trump sarà un governo di rottura rispetto all'Amministrazione Obama.  Trump ha promesso di agire per decreto spazzando via quanto fatto dal suo predecessore nei settori di clima, sanità, finanza e controllo delle armi

Cosa farà Donald Trump nei primi 100 giorni da presidente

Nel blocco dell'eredità di Obama da cancellare rientrano le norme per combattere il cambiamento climatico, che il neo presidente ha definito una "bufala inventata dai cinesi", la riforma sanitaria conosciuta come Obamacare e le norme volute per tenere sotto controllo Wall Street, che secondo il tycoon deve essere libera di autoregolamentarsi. E ancora nel mirino di Trump ci sono le leggi che proteggono i figli degli immigrati irregolari e le restrizioni alla vendita di armi. La maggioranza in Congresso del partito repubblicano gli permetterà di presentare in Aula le sue proposte, ma Trump è impaziente di dimostrare la sua autorità presidenziale (disse di poter "agire da solo") e di smantellare le politiche di Obama con un colpo di penna.

In particolare su Wall Street il presidente eletto punta a smantellare la Dodd-Frank, la legge di riforma approvata nel 2010 e uno dei successi di Barack Obama. La riforma sarà sostituita da politiche pro-crescita, afferma il transition team di Trump sul suo sito. "L'economia della Dood-Frank non funziona per i lavoratori. I tappeti rossi della burocrazia e le imposizioni di Washington non sono la risposta. La Dood Frank sarà sostituita con nuove politiche che incoraggiano la crescita economica e la creazione di lavoro".

De Niro: "Non posso prendere a pugni Trump ora che è presidente: emigro in Molise"

DIMON AL TESORO - Nei prossimi 72 giorni, cioè fino all'inaugurazione del mandato, il 20 gennaio prossimo, Trump dovrà definire la nuova squadra di governo. Le ultime indiscrezioni, diffuse dalla Cnbc, Jamie Dimon, l'amministratore delegato di JP Morgan considerato il 'maghetto' di Wall Street per il ruolo svolto durante la crisi del 2008, sarebbe in lizza per la carica di segretario al Tesoro. Quanto ai restanti incarichi pubblici che dovrà assegnare, circa 4.000, l'iter partirà dopo l'inizio del mandato: anche perché alcuni richiedono il disco verde del Senato, oltre che dell'intelligence.  La squadra di Trump: toto nomi / FOTO

 

Borse, nessuno choc Trump. E Wall Street fa il record

image