Washington, 8 novembre 2020 - Melania Trump sta cercando di convincere il marito Donald ad accettare, e concedere la vittoria a Joe Biden. La First lady ha chiesto al tycoon, come prima di lei lo ha fatto anche Jared Kushner, consigliere del presidente e marito della figlia Ivanka, di fare il grande passo e riconoscere il successo elettorale all'avversario dem. La Cnn riporta quanto detto da una fonte vicina allo staff presidenziale.

Vari media Usa hanno sottolineato il silenzio, fino ad ora, di Melania sul risultato delle urne, anche se, secondo le fonti, in privato avrebbe "detto il suo parere, come spesso fa". Ma alla fine sui social la firts lady si è fatta sentire, e senza contraddire suo marito: "Gli americani meritano elezioni giuste. Ogni voto legale, non illegale, deve essere contato. Dobbiamo proteggere la nostra democrazia con una completa trasparenza", ha twittato la first lady.

Il genero Jared Kushner ha parlato con Trump dopo che il tycoon aveva annunciato una battaglia legale a partire da lunedì. La tensione è alta, ieri Kate Bedingfield, la vice responsabile della campagna di Joe Biden e Kamala Harris, ha raccontato che non ci sono state ancora comunicazioni tra Biden e Trump o tra i rappresentanti delle due campagne elettorali, dopo la notizia della vittoria del candidato democratico. 

Ma Donald Trump sembra 'barricarsi' dentro la Casa Bianca confermando sempre la linea di difesa: "Sappiamo tutti perché Joe Biden si sta affrettando ad accreditarsi con falsità vincitore e perché i suoi alleati dei media stanno cercando così duramente di aiutarlo: non vogliono che la verità sia rivelata. Il semplice fatto è che queste elezioni sono tutt'altro che finite". 

Oggi sui social l'attuale inquilino della White House ha continuato a mettere in dubbio il risultato delle urne a stelle e strisce: "Abbiamo una tradizione di problemi elettorali in questo Paese", citando l'avvocato analista legale e penalista, nonché commetatore politico, Jonathan Turley. Poi sempre su Twitter ha aggiunto: "In Pennsylvania c'è un ordine della Corte Suprema per la separazione" dei voti ricevuti dopo l'Election Day. Sempre usando le parole di Turley, il presidente ha assicurato: "Si tratta di un grande numero di schede. Quando si parla di un problemi di sistema si parla di come le schede vengono autenticate perché se c'è un problema di autenticazione questo potrebbe avere un effetto sulle intere elezioni". Infine ha parlato anche dell'articolo di un sondaggista inglese, senza specificare chi: "Il migliore sondaggista britannico ha scritto oggi che chiaramente sono state elezioni rubate, che è impossibile immaginare che Biden abbia sconfitto Trump in alcuni di questi stati".  

Ma Joe Biden ha superato la fatidica soglia dei 270 grandi elettori. E' vero che le elezioni presidenziali non sono di fatto concluse, ma solo a livello di conteggio dei voti, infatti le schede continuano ad essere spogliate in vari stati, ma Trump non può più rimontare, e punta sull'azione legale.