Roma, 3 novembre 2020 - E' una notte piena di incognite quella delle elezioni Usa 2020, complicate in particolare dal voto per posta (SCHEDA). Nel caso di un risultato netto, di una chiara affermazione di Donald Trump o Joe Biden, il risultato potrebbe arrivare tra le 4 e le 5 del mattino del 4 novembre. In caso contrario l'annuncio del vincitore potrebbe slittare, anche per diversi giorni. Tutto dipenderà da quanto saranno decisivi i voti espressi per corrispondenza, con uno spoglio annunciato a rilento.

Usa 2020. Come funzionano le elezioni: sistema, grandi elettori, chi può votare

Ecco il cronoprogramma della giornata (ora italiana)

Ore 12 del 3 novembre: aprono i primi seggi sulla costa orientale americana. Alle 15 al via il voto in California e sulla costa occidentale.

Ore 1 del 4 novembre: chiudono i primi seggi in Indiana, Kentucky, Georgia, South Carolina, Vermont e Virginia.

Ore 1.30: chiudono i seggi in North Carolina (15 grandi elettori), West Virginia e in Ohio (18 grandi elettori). I primi risultati elettorali del North Carolina saranno però ritardati di almeno due ore perché alcuni seggi hanno aperto in ritardo per problemi tecnici. Lo ha deciso il North Carolina State Board of Elections.

Ore 2: sono due degli Stati chiave nella corsa alla Casa Bianca con in palio complessivamente 49 grandi elettori, di cui 20 per la Pennsylvania e 29 per la Florida. Complessivamente chiudono i seggi in 16 Stati, incluso il District of Columbia della capitale Washington.

Ore 3: Chiudono i seggi in Texas (38 grandi elettori), Stato roccaforte dei repubblicani che quest'anno i democratici potrebbero sbancare. Si chiude anche in due Stati chiave, il Wisconsin e il Michigan, che nel 2016 Donald Trump strappò a Hilllary Clinton.

Ore 4-5: alle 4 ora italiana urne chiuse in altri quattro Stati, tra cui lo Utah e alle 5 in altri cinque Stati, tra cui la California, roccaforte dem con i suoi 55 grandi elettori. È il momento in cui potrebbe arrivare l'annuncio della vittoria.

Ore 7: l'Alaska è l'ultimo Stato a votare. Gli ultimi seggi, quelli nella regione più occidentale, chiudono quando sulla East Coast è già mercoledì 4 novembre. Dopo le Hawaii, le cui urne chiudono quando a New York è mezzanotte.

Lo speciale elezioni Usa

Elezioni Usa 2020, i sei Stati chiave (e perché saranno decisivi)

"C'è coda, non andate ai seggi": boom di telefonate automatiche