Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
25 gen 2022

Paolo Maddalena, chi è il nome più votato nei primi scrutini per il Quirinale

L'ex magistrato ha raccolto il maggior numero di preferenze anche nella seconda giornata a Montecitorio, assieme a Mattarella

25 gen 2022

Roma, 25 gennaio 2022 - L'ex magistrato Paolo Maddalena è stato il più votato anche nel secondo scrutinio (oggi a pari merito con Sergio Mattarella) per l'elezione del presidente della Repubblica, già ieri il suo era stato il nome più letto, tra tante schede bianche, dal presidente della Camera Roberto Fico nello spoglio della prima giornata. "Ieri è stato gratificante ascoltare la votazione, abbiamo bucato il neoliberismo e battuto il pensiero unico che ha offuscato molte menti. Non so, se oggi voteranno di nuovo per me, non ho chiesto voti ma mi fa piacere se emerge l'idea di attingere alla nostra Costituzione", ha commentatop oggi a Un Giorno da Pecora su Radiouno Rai l'ex magistrato.

LO SPECIALE

Marcello Pera, Letizia Moratti e Carlo Nordio: chi sono i candidati del centrodestra

L'ex giudice costituzionale ieri ha portato a casa 36 voti, e oggi è arrivato a 39, come il Capo dello Stato uscente. Ma la partita per il Colle si gioca su altri equilibri, Maddalena lo sa e non sembra molto interessato: "Bisognerebbe fare i conti con le mie possibilità e le mie scelte", e lancia la sua preferenza: "Che vada via Draghi è un obiettivo che perseguirei comunque come cittadino...".

Maddalena, che ha raccolto le preferenze dei parlamentari ex M5s, è nato a Napoli e ha 85 anni. E' stato magistrato e vice presidente emerito della Corte Costituzionale fino al luglio 2011. Il suo profilo è stato avanzato dai parlamentari ex 5 Stelle confluiti ora nel Gruppo Misto e nella componente "Alternativa c'è", poco più di 40 tra deputati e senatori. In una notra si legge: "Il professor Paolo Maddalena è una "figura super partes, lontana da appartenenze politiche: ha messo al centro della sua opera di magistrato, docente universitario e giudice costituzionale (vice presidente della Consulta) la tutela dei beni pubblici demaniali, della legalità, della sovranità popolare e della nostra Costituzione. Per queste ragioni riteniamo possa essere una figura tra le più importanti sulla quale tutte le forze politiche potrebbero convergere. Invitiamo ad esprimere il proprio voto per una personalità in grado di incarnare pienamente le caratteristiche di garante della Costituzione e dei diritti del popolo italiano".

Oggi come nella prima giornata c'è stata una 'Fumata nera', con troppe schede bianche 527, schede nulle 38 e voti dispersi 125. Erano presenti e votanti 976. Nessun astenuto. Sergio Mattarella e Paolo Maddalena a 39 voti, poi Renzo Tondo 18, Roberto Cassinelli 17, Ettore Rosato 14 e Umberto Bossi 12. 

Ieri, oltre a Maddalena avevano ottenuto preferenze: il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, 16; la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, 9; Silvio Berlusconi, il deputato di Forza Italia Roberto Cassinelli, Guido De Martino, figlio di Francesco, e il deputato ex M5S Antonio Tasso, 7; Umberto Bossi e il presidente di Italia viva, Ettore Rosato, 6; Marco Cappato, 5; il senatore della Lega Cesare Pianasso e Bruno Vespa, 4; il conduttore di un 'Giorno da pecora', Giorgio Lauro, Enzo Palaia, il direttore del Dis, Elisabetta Belloni, la deputata di Italia viva Maria Teresa Baldini, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, Pierluigi Bersani, il giornalista Claudio Sabelli Fioretti, Francesco Rutelli, Amadeus, 3; Giuliano Amato, il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, Alberto Angela, Pier Ferdinando Casini, l'ex premier Giuseppe Conte, Gianluca De Fazio, il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, il chirurgo Ermanno Leo, Antonio Martino, il giurista Ugo Mattei, il sottosegretario all'Editoria, Giuseppe Moles, Carlo Nordio, il deputato del Pd Paolo Siani, 2. 

Quirinale, seconda votazione per il presidente della Repubblica: il fotoracconto
Quirinale, seconda votazione per il presidente della Repubblica: il fotoracconto

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?