Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 gen 2022

I venti di guerra sferzano il Colle La crisi ucraina impone un atlantista

La partita di Kiev ha ripercussioni sull’Italia e condiziona l’elezione del presidente della Repubblica. Frattini, fino a ieri tra i candidati del centrodestra e gradito a Conte, paga i buoni rapporti con la Russia

26 gen 2022
alessandro farruggia
Politica

Per dirla con Tito Livio, mentre a Roma si discute, Sagunto è espugnata. La crisi Ucraina che accende potenziali focolai di guerra ai bastioni orientali della vecchia Europa, impone una urgenza temporale e criteri geopoliticamente stringenti nell’elezione del Presidente della Repubblica. Putin non è Annibale, ma l’Occidente – dopo tante distrazioni e tanti errori – non può farsi cogliere impreparato di fronte a una crisi poltico-militare che non solo minaccia gli equilibrio continentali, ma colpisce al cuore i nostri approvvigionamenti di gas in una delicata transizione energetica. Guerra in Ucraina: cosa succede se la Russia chiude il gas all'Europa Serve un presidente autorevole, europeista e atlantista, soprattutto c’è necessità di un presidente con la schiena dritta, non sospettabile di intelligenza, o anche solo di cedevolezza, con il nuovo Zar. Con 100mila soldati di Putin schierati ai confini dell’Ucraina, con il Dombass o Kharkiv in vista delle divisioni corazzate russe, i cieli ucraini esposti alle scorribande e ai bombardamenti dei Mig e dei Sukhoi dell’aeronautica di Mosca, la convinzione diffusa tra i segretari di partito e i grandi elettori (oltre che delle cancellerie che contano) è che serve un campione di atlantismo. Ed è su quest’ultima trincea che ieri è caduto Franco Frattini, fino a poche ore prima nel terzetto di candidati del centrodestra, forte di un gradimento del pentastellato Conte, ma fermato dall’insolita alleanza tra Matteo Renzi e Enrico Letta che ha opposto un tassativo “niet“. Il “fattore U“ ha colpito e affondato Frattini sulla base del sospetto alimentato dalla linea di Frattini storicamente troppo dialogante con il Cremlino, apprezzata a tal punto da meritarsi l’onorificenza dell’Ordine di Amicizia tra i Popoli da parte della Federazione Russa. L’ex ministro degli Esteri vede Mosca come un interlocutore privilegiato. Lo ha ripetuto in tutte le salse. Nel dicembre 2017 affermò che "la ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?