23 gen 2022

Quirinale, Berlusconi molla e dice no a Draghi. Il centrodestra: pronti altri nomi

Tensione e colpi di scena, alla fine il Cavaliere viene convinto a rinunciare: "Però avevo i numeri"

antonella coppari
Politica
Silvio Berlusconi, classe 1936, è il leader di Forza Italia. Nell’ottobre 1993 è entrato in politica e nel gennaio 1994 ha fondato il partito degli azzurri
Silvio Berlusconi, classe 1936, è il leader di Forza Italia

Per la discesa in campo ha usato un video messaggio. Venticinque anni dopo, il Cavaliere annuncia il rientro negli spogliatoi per la partita del Colle con una lettera che la fedelissima Licia Ronzulli legge agli alleati nel vertice del centrodestra che si svolge su Zoom. Il protagonista non c’è: un’assenza che alimenta voci sul suo stato di salute, smentite dalle fonti ufficiali. Ma aumenta anche il pathos di un’uscita di scena in pieno stile berlusconiano. Una scelta sofferta, racconta nella nota, fatta malgrado "l’esistenza di numeri sufficienti per l’elezione", un sacrificio in nome del "paese che amo", e dell’esigenza di dare una mano nell’interesse generale "per combattere la gravissima emergenza sanitaria". Di qui la rinuncia al sogno a lungo coltivato: "Ho deciso di compiere un altro passo sulla strada della responsabilità nazionale, chiedendo a quanti lo hanno proposto di rinunciare a indicare il mio nome per la presidenza della Repubblica". Elezione presidente della Repubblica 2022: quando si vota, orari e quorum. La guida Andrea Riccardi: chi è il nome nuovo nella corsa a presidente della Repubblica L’intera coreografia sembra studiata con cura. Berlusconi tiene gli alleati in sospeso fino all’ultimo: alla riunione da remoto con ministri e sottosegretari forzisti fa solo una rapida comparsa, visibile ai più lesti a collegarsi. "Non ho ancora deciso, ci vediamo domani alla riunione dei Grandi elettori". Poi passa la palla a Tajani che si incarica di sottolineare che Draghi deve restare al governo ("inamovibile", lo definisce), senza rimpasti. I ministri azzurri evitano di pronunciarsi in materia. Sergio Mattarella, l'ultima domenica da presidente della Repubblica Una decisione ufficiale non arriva, il vertice del centrodestra online (un inedito per una riunione importante) slitta dalle 16 alle18, poi un’altra ora. Alla fine il computer di Berlusconi si accende, ma alla tastiera non c’è lui, bensì l’immancabile Tajani con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?