25 gen 2022

Draghi presidente della Repubblica: le condizioni del premier per Quirinale e governo

Draghi contatta direttamente i leader dei partiti: l'incontro con Salvini. Se salirà al Colle, in pole per la successione c’è la Belloni. Il piano B è Mattarella o Amato

ettore maria colombo
Politica
Italy's Prime Minister, Mario Draghi arrives to pay his respects to late  European Parliament speaker David Sassoli, lying in state on January 13, 2022 at Capitoline Hill in Rome. - Sassoli died on January 11, 2022 in the hospital where he had been admitted on December 26 for "a serious complication due to a dysfunction of the immune system". (Photo by Alberto PIZZOLI / AFP)
Mario Draghi, presidente del Consiglio (Ansa)

Roma, 25 gennaio 2022 - Finalmente il premier, Mario Draghi, fa quello che Matteo Renzi – e pure tutti gli altri leader – gli chiedevano di fare da giorni, anzi settimane: apre le porte di palazzo Chigi (a Matteo Salvini) e alza il telefono con tutti gli altri leader (Enrico Letta in testa) per venire a capo del busillis che, da altrettanto tempo, arroventa le menti di tutti, leader e peones: se lui va al Colle, chi va a Chigi? SPECIALE QUIRINALE Chi sale e chi scende: Draghi congelato, la carta Casini Presidente della Repubblica: diretta streaming dalle 15 Marcello Pera, la Moratti e Nordio: chi sono i candidati al Quirinale del centrodestra Il guaio è che non tutti i conversari di Draghi vanno a buon fine, almeno non subito. Quello con Matteo Salvini, per dire, va meno che bene. Anzi, va assai male. L’interpretazione – ma di fonte Pd – è che Salvini stia in realtà fingendo di trattare con Draghi per sabotarne la candidatura, affossarla. Il leader della Lega punta i piedi: vuole il Viminale, nel pacchetto che sta trattando per dare vita a un nuovo governo e, in cambio, accettare di spedire Draghi al Colle, e non per il suo fidato braccio destro, Nicola Molteni (assai attivo nei dialoghi con i dem, ieri, alla Camera), ma proprio per sé. "Perché Matteo, dal Viminale, la campagna elettorale la farebbe più che bene, benissimo" gonfiano il petto i suoi. Già, ma il Pd non è mica tanto per la quale, anche solo all’idea. Figurarsi quanto sarebbe contento Di Maio di vedersi sfilare gli Esteri che la Lega reclama in caso non ottenesse il Viminale. Il Capitano, poi, chiede di concordare il nome del premier futuro con Draghi. E qui la risposta dell’ex governatore Bce è netta: no, decido io. Elezione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?