Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Foto di gruppo del vertice Ue sui migranti (Ansa)

Dall'assemblea del Condominio Europa i ventotto proprietari sono usciti come sono entrati: tutti d’accordo sulla necessità di non far crollare il palazzo, tutti divisi sulle spese condominiali. A questo si è ridotta l’Ue, un’assemblea di condominio tra ventotto proprietari governati da amministratori sempre più deboli. Lo ha dimostrato anche il vertice sui migranti concluso venerdì con un verbale immediatamente interpretato e messo in discussione da chi lo aveva appena sottoscritto. Francia e Germania in testa. Un vertice dal quale l’Italia esce con la sola vittoria certa di avere imposto il proprio ordine del giorno e rifiutandosi di seguire un’agenda normalmente appannaggio dei più forti.

Si poteva ottenere di più? Aspettarselo era tanto legittimo quanto un po’ velleitario tenendo a mente tutte le puntate precedenti dei vertici Ue. Saranno i fatti a confermare la bontà degli impegni presi o a farne carta straccia. Toccherà all’Italia, al governo italiano, andare a vedere le carte, chiedere conto ai partner e tessere le alleanze senza le quali in Europa nessuno è mai riuscito a raggiungere i propri obiettivi. Strada obbligata, non facile da percorrere. Anche per gli scricchiolii prodotti – tra le file grilline e nella maggioranza – dalle parole del presidente della Camera, Roberto Fico, favorevole alla politica dei porti aperti.

Altri nodi verranno al pettine alle prossime assemblee del Condominio Europa. Quelle che avranno sul tavolo i conti, per esempio. Appuntamenti delicati, tanto quanto il vertice dei migranti, che si avvicinano sotto il pressing dei partiti che vogliono veder partire i programmi scritti nel contratto di governo e mentre aleggia lo spettro di una manovra bis di 9 miliardi. I conti li ha fatti Confindustria, a Palazzo Chigi nessuno si sbilancia. Ma è pur vero che nessuno, finora, tra i controllori di Bruxelles, l’ha chiesta. Si vedrà, probabilmente a settembre.

Domani, in compenso, gli italiani – cittadini e imprese – verseranno nelle casse dell’Erario 19 miliardi di euro tra tasse e imposte varie. Una parte di quei 101,1 miliardi l’anno che le imprese italiane versano allo Stato pari – se i calcoli della Cgia di Mestre sono giusti – al 14,1% del gettito totale contro il 12,3% delle tedesche, l’11,6% delle spagnole e lo 10,2% delle francesi. Pesi fiscali inferiori, imposti senza l’aggravante di una burocrazia eccessiva e in cambio di servizi spesso superiori a quelli ricevuti alle nostre latitudini. Nulla di nuovo, ma non per questo meno grave.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.