La vicenda dei furbetti del bonus, cioè dei parlamentari e dei consiglieri regionali che senza provar vergogna hanno intascato i 600 euro destinati alle partite Iva, non è grave: è squallida, il che è ancora peggio. Non è grave perché l’entità del danno provocato alle casse dello Stato è roba da ladri di polli: ma è squallida proprio per il fatto che costoro non avevano alcun bisogno di una simile, ridicola cifra. Sarà l’ingordigia umana, sarà che non ci basta mai quel che abbiamo, ma è andata così: gente che guadagna sui dodicimila euro al mese chiede il sussidio studiato e pensato per chi non riesce a mettere insieme il pranzo con la cena.

Aggravante, il fatto non trascurabile che costoro sono pubblici amministratori, rappresentanti del popolo italiano, dal quale sono stati votati ed eletti.

Ma la cosa più squallida non è poi neanche l’aver preso il bonus: è il modo con cui costoro hanno cercato, una volta scoperti, di giustificarsi. Uno dice che l’ha preso per girarlo in beneficenza (la quale però sarebbe bene farla con i soldi propri, non con quelli dello Stato), uno che è stato il commercialista, uno che è stata la segretaria, uno che è stata la zia. Ora, il moralismo è una orribile cosa, e lungi da noi. Siamo tutti peccatori, ciascuno di noi ha miserie più o meno nascoste. Anche chi scrive ha fatto sicuramente di peggio. Ma perché, quando il nostro errore è smascherato ed evidente, non diciamo mai “ho sbagliato, mi vergogno, chiedo scusa e possibilmente restituisco il maltolto”? Le goffe giustificazioni che hanno addotto questi signori hanno peggiorato la loro situazione. Anche il fuoco di fila contro Pasquale Tridico, il presidente dell’Inps, non fa altro che peggiorare la situazione dei furbetti. Il presidente dell’Inps ha sbagliato nel rivelare i dati? L’ha fatto per danneggiare i promotori del referendum? Ha gestito male l’Inps e quindi si deve dimettere? Può darsi. Ma anche se così fosse, lo squallore di chi ha incassato il bonus rimane. Così come la loro impunità. Zaia è stato bravo nel non ricandidare i suoi consiglieri beccati con le mani nella marmellata: in questo modo ha fatto pagare loro il conto. Ma i parlamentari che non si dimettono? La sospensione temporanea dal partito è aria fritta, i furbetti se ne fanno un baffo.

Detestiamo il populismo, la demagogia, l’antipolitica e appunto il moralismo. Ma a dare fiato alle trombe di demagoghi e moralisti sono proprio squallide vicende come questa, con le loro ancor più squallide giustificazioni.