Ci sono due modi per affrontare il caso Balotelli. Il primo è quello di chiedersi se l’Italia sia un Paese razzista, ed è una domanda retorica e sciocca perché l’Italia è tante cose: c’è una una grande tradizione di accoglienza e c’è anche del razzismo (minoritario, credo, ma comunque da fermare subito perché in grado di far danni: questo sia detto come ovvia premessa). 
Il secondo modo è invece quello di chiedersi che cosa sia ormai diventato il mondo del calcio: è questa la vera questione. Ed è talmente vero che la questione è questa che il mondo del calcio se ne guarda bene dall’affrontarla: più comodo, e ipocrita, fermarsi al solo tema dei buuu ai giocatori di colore, e non vedere che attorno al football c’è ormai un’isteria tale da richiedere l’intervento degli psichiatri.

Dicendo che i ragli razzisti salgono da pochi asini in qualche curva, e che questi asini devono avere il Daspo a vita, il mondo del calcio assolve se stesso ed esorcizza il problema. Intanto perché tutti sanno che le curve degli ultrà sono tollerate quando non foraggiate dalle stesse società (e qui sta la prima ipocrisia). E poi perché quand’anche si spegnessero i cori razzisti, resterebbero appunto certe curve piene di delinquenti: ma non solo, andiamo più in là, resterebbe un clima di tensione, di rabbia e di rancori che negli ultimi anni è cresciuto a dismisura. È per via di questo clima che in uno stadio si mette a gridare negro di emme anche chi in un altro contesto non lo farebbe mai; così come si mette a gridare zingaro di emme a uno slavo, terrone di emme a uno che gioca nel Napoli, e pezzo di emme a chiunque giochi o tifi per gli avversari. Il clima non è infame solo nelle curve degli ultrà, lo è anche nelle tribune dai posti perbene, lo è perfino sotto la tuta sociale di alcuni dipendenti delle società che dovrebbero garantire l’ordine e invece fomentano il disordine, lo è in tante (non in tutte: ma in tante sì) trasmissioni tv. Lo dico? Lo dico: una volta non era così. Non è per essere nostalgici, ma mai come in questi anni si era vista tanta violenza già nei campi dove sgambettano i bambini, con genitori che insultano l’arbitro (che magari ha la stessa età dei loro figli) o il mister che non sa valorizzare il cocco. Papà e mamme che si azzuffano per partite di allievi, giovanissimi, pulcini. Mah.
Di tanta aggressività e di tanto odio il mondo del calcio non è ovviamente l’origine, ma solo un accogliente ricettacolo. Ecco: chiederci perché siamo tanto frustrati e arrabbiati, questo dovremmo fare, invece di illuderci di risolvere tutto con qualche Daspo.