Pietro Salini, classe 1958, è amministratore delegato del gruppo Webuild
Pietro Salini, classe 1958, è amministratore delegato del gruppo Webuild
Proseguono a ritmi serrati i lavori per la realizzazione del Ponte di Braila, in Romania, il ponte sospeso sul Danubio che si distingue per i numerosi primati: con i suoi 1.975 metri di lunghezza, sarà il più lungo della Romania e il terzo ponte sospeso più lungo in Europa per la campata centrale, lunga 1.120 metri. A realizzare l’opera è Webuild...

Proseguono a ritmi serrati i lavori per la realizzazione del Ponte di Braila, in Romania, il ponte sospeso sul Danubio che si distingue per i numerosi primati: con i suoi 1.975 metri di lunghezza, sarà il più lungo della Romania e il terzo ponte sospeso più lungo in Europa per la campata centrale, lunga 1.120 metri. A realizzare l’opera è Webuild (per il tramite di Astaldi, ora incorporata in Webuild), al 60% in joint venture con Ihi, società giapponese che ha realizzato l’Akashi Kaiko in Giappone, il ponte sospeso più lungo al mondo. La realizzazione del Ponte di Braila ha raggiunto un avanzamento complessivo di oltre il 55% ed entro la fine del 2022 – spiega la società – sarà completato.

Al momento, sono in corso le attività propedeutiche per la realizzazione dei due cavi portanti del ponte, costituiti da intrecci di fili d’acciaio per una lunghezza complessiva di circa 40.000 chilometri. L’impalcato, costruito in segmenti che saranno montati in sequenza come avvenuto per il Ponte Genova San Giorgio (ma con una spettacolare operazione di trasporto fluviale e messa in opera dal fiume), sono praticamente già tutti pronti e sono stati tutti realizzati a Braila in un vicinissimo stabilimento di Fincantieri Infrastructure, partner Webuild anche per la realizzazione di Ponte Genova San Giorgio.

Il contratto del Ponte di Braila, del valore complessivo di circa 485 milioni di euro, prevede la progettazione e la costruzione di un ponte sospeso che potrà contare su quattro corsie di marcia, oltre a corsie di emergenza e piste pedonali e ciclabili, e su entrambi i lati verranno costruiti due viadotti di accesso, lunghi 110 metri (incluso il blocco di ancoraggio). È infine prevista la realizzazione di circa 21 chilometri di viabilità di collegamento.

red. eco.