Giovedì 18 Luglio 2024

Von der Leyen: ho chiesto a Draghi un report sulla competitività dell’Ue

Ultimo discorso sullo stato dell’Unione per la presidente della Commissione. "Le elezioni saranno il momento per decidere che tipo di Europa vogliamo per il futuro”

Roma, 13 settembre 2023 – L'Ue deve "guardare avanti e prepararsi per restare competitiva" durante la transizione verde, "per questo ho chiesto a Mario Draghi di preparare un rapporto sul futuro della competitività europea". Così la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen nell'ultimo discorso sullo stato dell'Unione della legislatura. Davanti all’assemblea plenaria di Strasburgo, von der Leyen cita la celebre frase dell’ex premier italiano, che definisce “uno dei più grandi cervelli economici d'Europa”, per spiegare dove saranno indirizzati gli sforzi. "L'Europa farà 'whatever it takes', qualsiasi cosa serva, per mantenere il suo vantaggio competitivo", dice. Le sfide – sottolinea ancora – riguardano lavoro, inflazione e ambiente commerciale.

Ursula von der Leyen (Ansa)
Ursula von der Leyen (Ansa)

La Ue non ha scelta e deve “ridurre i rischi” difendendo le industrie continentali. L’attenzione si rivolge quindi al mercato automobilistico e, in particolare, ai veicoli elettrici. “Si tratta di un settore cruciale per l'economia pulita, con un enorme potenziale per l'Europa – dice – . Ma i mercati globali sono ora inondati di auto elettriche cinesi più economiche. E il loro prezzo è mantenuto artificialmente basso da ingenti sussidi statali. Ciò sta distorcendo il nostro mercato. E poiché non lo accettiamo dall'interno, non lo accettiamo dall'esterno. Oggi posso quindi annunciare che la Commissione sta avviando un'indagine antisovvenzioni sui veicoli elettrici provenienti dalla Cina". 

Gli altri temi toccati sono l’Ucrainal’allargamento dei confini Ue, l’Africa e le migrazioni per cui “serve unità all'interno dell'Unione" per un nuovo patto. “Tra poco meno di 300 giorni, gli europei andranno alle urne, dobbiamo finire il lavoro – ricorda la presidente – . Sarà un momento in cui le persone rifletteranno sullo stato della nostra Unione e sul lavoro svolto da coloro che le rappresentano. Ma sarà anche il momento di decidere che tipo di futuro e che tipo di Europa vogliono”. "Tra loro ci saranno milioni di elettori per la prima volta, i più giovani dei quali sono nati nel 2008. Mentre si troveranno in quella cabina elettorale, penseranno a ciò che conta per loro. Penseranno alla guerra che infuria ai nostri confini. O l'impatto del cambiamento climatico distruttivo. Su come l'intelligenza artificiale influenzerà le loro vite. O delle loro possibilità di ottenere una casa o un lavoro negli anni a venire – aggiunge –. L'Europa, ancora una volta, deve rispondere all'appello della storia. Ed è quello che dobbiamo fare insieme". 

“Sul Green Deal europeo manteniamo la rotta – continua – . Rimaniamo ambiziosi. Manteniamo la nostra strategia di crescita. E ci impegneremo sempre per una transizione giusta ed equa”. Ursula von der Leyen  ricorda che “quest'estate è stata la più calda di sempre in Europa” con gli “incendi devastanti” di Spagna e Grecia e”il caos e la carneficina provocati dagli eventi meteorologici estremi, dalla Slovenia alla Bulgaria”. “È la realtà di un pianeta in ebollizione. Il Green Deal è nato dalla necessità di proteggere il pianeta", dice. Con questo programma, conclude, "siamo passati da un'agenda climatica a un'agenda economica".