Roma, 10 ottobre 2018 - Verso le 22,45 di ieri sera è terminato il vertice economico a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, i vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio, e il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, e il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Dell'incontro, durato un'ora e mezza, brevemente ha parlato il vicepremier Matteo Salvini lasciando palazzo Chigi: "Stiamo limando, aggiungendo, migliorando.. legge Fornero, pace fiscale, riduzione delle tasse".

Pensioni, l'altolà di Bankitalia. Di Maio: "Se vuole la legge Fornero si presenti alle elezioni"

Manovra, Tria: "Pensioni, misure sperimentali. Valuteremo se proseguire"

Il ministro dell'Interno ha ribadito: "Noi andiamo avanti chi si ferma è perduto". Alla domanda sul perchè della riunione di stasera, Salvini ha risposto: "Le riunioni le facciamo a prescindere da quello che dicono a Bruxelles perchè da persone serie stiamo limando al centesimo". Poi alla questione se la manovra stimi una crescita irrealistica? "No, le stime le abbiamo tenute anche  basse. Risponderanno i fatti". Salvini ha spiegato: "Se la gente lavora, spende. Se la gente non lavora, non spende con questa manovra più gente lavorerà e quindi...". 

Spread, cosa succede e perché all'Italia fa così paura

"Per quanto riguarda il mio ministero conto di risparmiare almeno mezzo miliardo di euro di spesa corrente alla voce accoglienza e immigrazione. E di questo mezzo miliardo circa 380 milioni andranno in assunzione di forze dell'ordine", ha aggiunto il vicepremier: "Per fare questi conti devi essere preciso e i conti noi li stiamo facendo in maniera precisa". Poco prima, a margine dell'incontro, Luigi Di Maio aveva assicurato: "La manovra ha una serie di misure su cui non si torna indietro. Sul livello di deficit non si torna indietro. Per quanto ci riguarda ci confronteremo con tutti, con la commissione Ue e con le istituzioni". 

I due vicepremier erano scesi in piazza davanti a palazzo Chigi per incontrare i giornalisti durante il vertice, ma prima di rientrare alla riunione, non hanno 'resistito' ai richiami di tanti curiosi che si erano fermati dietro le transenne. Salvini in Polo blu della Marina, camicia bianca invece per Di Maio, i due hanno condiviso strette di mano e selfie ai turisti e a una scolaresca di Napoli che si trovavano in piazza.

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, risponderà oggi (mercoledì) mattina alle 10 ai rilievi dell'Ufficio di parlamentare di bilancio che ieri sera non ha validato le previsioni macroeconomiche contenute nella Nota di aggiornamento del Def, riferiscono fonti parlamentari. La nuova audizione del titolare del Mef, richiesta dalle opposizioni, sarà nella sala del Mappamondo.