Seagate Technology Holdings, (in foto l’ad Dave Mosley) un fornitore di apparecchiature di archiviazione dati americano ha venduto dischi fissi per 800 milioni di dollari, nonostante il Dipartimento del Commercio abbia inasprito le restrizioni all’esportazione. Lo dichiara un rapporto di senatori repubblicani consultato dal Wall Street Journal. Secondo il report, la società non ha chiesto una licenza al Dipartimento e ha continuato le spedizioni dopo che i suoi rivali avevano interrotto le vendite a Huawei. L’anno scorso, Seagate ha dichiarato di non ritenere necessaria una licenza per continuare a vendere all’azienda cinese.