Domenica 21 Luglio 2024

WeWork fallisce negli USA e Canada

WeWork, il colosso degli uffici condivisi, ha annunciato di aver dichiarato fallimento per ridurre il proprio debito. Le operazioni negli USA e Canada saranno colpite, ma le globali continueranno. La società cercherà di rimanere leader nel lavoro flessibile.

WeWork dichiara fallimento in Usa e Canada

WeWork dichiara fallimento in Usa e Canada

Il colosso degli uffici condivisi WeWork, da anni in gravi difficoltà finanziarie, ha annunciato di aver dichiarato fallimento nel tentativo di negoziare la riduzione del proprio debito. La società ha affermato che la misura avrà un impatto sulle operazioni negli Stati Uniti e in Canada, ma "si prevede che quelle globali continueranno come al solito". "È arrivato il momento per noi di avanzare verso il futuro affrontando in modo aggressivo i nostri contratti di locazione preesistenti e migliorando notevolmente il nostro bilancio", ha dichiarato in una nota l'Amministratore Delegato David Tolley. "Abbiamo definito una nuova categoria di lavoro e questi passi ci consentiranno di rimanere leader globali nel lavoro flessibile." All'inizio di agosto WeWork aveva avvertito l'Autorità di Regolamentazione del Mercato Azionario Statunitense SEC che temeva per la sua sopravvivenza: "Esistono dubbi sostanziali sulla capacità dell'azienda di continuare ad operare". La causa, secondo l'azienda, sarebbero state le perdite finanziarie, il fabbisogno di liquidità e il calo del numero degli inquilini. Aveva spiegato di aver perso miliardi di dollari nei primi sei mesi del 2023, a causa di un calo della domanda legato alle cattive condizioni economiche.