Lunedì 22 Aprile 2024

Per la Cgia nei cantieri edili un morto ogni due giorni

Sotto accusa assenza di cautele per installatori ed impiantisti

Per la Cgia nei cantieri edili un morto ogni due giorni

Per la Cgia nei cantieri edili un morto ogni due giorni

Nei cantieri edili c'è un addetto che perde la vita ogni due giorni e in un caso su tre non lavora in un'azienda edile, ma in una realtà imprenditoriale appartenente al settore dell'installazione degli impianti che, come previsto dagli accordi sindacali tra le parti sociali, applica ai propri dipendenti il contratto metalmeccanico. Lo afferma la Cgia del Veneto sulle morti nel lavoro che indica nel 'cantiere' il luogo a maggior rischio. Le maestranze che esercitano l'attività edile ma non dispongono del Ccnl corrispondente non sono tenute a frequentare i corsi di formazione obbligatori previsti per gli edili, rendendo questi lavoratori meno consapevoli e meno preparati ad affrontare i rischi e i pericoli che possono incorrere durante la giornata lavorativa. Purtroppo, i dati disponibili - per la Cgia - non consentono di "soppesare" quante imprese dell'edilizia applicano il contratto metalmeccanico anziché quello edile, tuttavia, è evidente che nei cantieri accedono comunque troppi addetti che non hanno ricevuto un'adeguata formazione in materia di sicurezza. Se tra le principali irregolarità riscontrate dall'Ispettorato del Lavoro durante l'attività di controllo emergono, in particolar modo, i ponteggi non ancorati correttamente, l'assenza di percorsi all'interno del cantiere dedicati ai mezzi e/o ai pedoni o la mancanza/inadeguatezza di dispositivi di protezione collettivi (parapetti, armature, barriere), vuol dire che il lavoro da fare in materia di prevenzione è ancora tantissimo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro