Italia-Africa: Ecco, il vertice delle ambiguità

Dubbi su ambizione in ambito clima, energia e sviluppo

Italia-Africa: Ecco, il vertice delle ambiguità
Italia-Africa: Ecco, il vertice delle ambiguità

Quello tra Italia e Africa è un "vertice delle ambiguità" secondo Ecco, il think tank italiano per clima che, analizzando l'intervento della premier Giorgia Meloni, vi ha letto "un'opportunità mancata". Nel rilevare che non sono state fornite "molte informazioni sugli aspetti concreti del Piano Mattei, rimane incertezza sull'implementazione del Piano e forte ambiguità su clima ed energia". Secondo Ecco, "nessun riferimento è stato fatto alla dimensione climatica nel parlare del partenariato energetico Italia-Africa" salvo l'impatto del clima sulle migrazioni a cui "si è accennato soltanto con riferimento alla questione della scarsità idrica, che genera e aggrava conflitti e aumenta i flussi migratori. Il fatto che il Fondo Italiano per il Clima sia stato citato come maggiore veicolo finanziario del Piano fa sperare che le dimensioni della mitigazione e dell'adattamento al cambiamento climatico costituiscano davvero delle aree centrali del Piano Mattei". Affinché il Piano "sia davvero innovativo e inclusivo ci aspettiamo un'apertura verso la società civile italiana e africana, assente oggi dal Summit", ha rilevato Silvia Francescon,senior expert di politica estera del think tank aggiungendo che "clima e energia si confermano pilastro centrale del Piano, ma rimangono diverse ambiguità. Manca inoltre un chiaro riferimento agli impegni internazionali sul clima, ribaditi dal Governo italiano anche in occasione dell'ultima Cop28 di Dubai". Lorena Stella Martini, analista di politica estera del think tank, sottolinea la mancanza di "un quadro strategico in grado di orientare una nuova fase di relazioni tra i Paesi africani, l'Italia e l'Europa", l'ambiguità sull'ambizione di fare dell'Italia un "hub energetico" tra Europa e Africa se con fonti rinnovabili o fossili e con quali obiettivi anche perché "sostenere lo sviluppo del Continente africano attraverso nuovi investimenti nelle fonti fossili non è la strada giusta".

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro