Investimenti fino a 15 miliardi di euro nei data center entro il 2025.

In Italia, 23 organizzazioni annunciano l'apertura di 83 nuovi data center entro il 2025, con un potenziale investimento di 15 miliardi di euro. Il mercato della 'collocation' dei data center ha raggiunto nel 2023 un valore di 654 milioni di euro, con previsioni di crescita fino a 1,4 miliardi nel 2025. Nonostante ciò, il settore non è ancora riconosciuto a livello regolatorio, creando una mancanza di chiarezza normativa. (159 caratteri)

Dai data center fino a 15 miliardi di investimento entro il 2025

Dai data center fino a 15 miliardi di investimento entro il 2025

In Italia, secondo uno studio dell'Osservatorio data center del Politecnico di Milano, sono state annunciate l'apertura di 83 nuovi data center nel periodo 2023-2025 da parte di 23 organizzazioni, di cui 8 sono società nuove entranti sul mercato italiano. Queste nuove strutture potrebbero portare, potenzialmente, fino a 15 miliardi di investimento complessivo nel territorio nazionale. La ricerca evidenzia che il mercato della 'collocation' dei data center, ovvero la compravendita o l'affitto di infrastrutture per ospitare server e dati delle organizzazioni, ha raggiunto nel 2023 un valore di 654 milioni di euro, registrando un aumento del 10% rispetto al 2022. Se le condizioni saranno favorevoli, si stima che possa più che raddoppiare, raggiungendo 1,4 miliardi di euro nel 2025. Le nuove aperture nel 2023 hanno portato la potenza energetica nominale attiva sul territorio nazionale a un totale di 430 Megawatt, registrando un aumento del 23% rispetto al 2022. Milano rappresenta il principale polo infrastrutturale del Paese, con una potenza di 184 Megawatt. Nonostante sia ancora lontana da un polo di riferimento come Francoforte, che conta 791 Megawatt, Milano si sta affermando come uno dei centri di maggior interesse rispetto ad altri Paesi emergenti nell'ecosistema dei data center. Tuttavia, secondo l'Osservatorio data center del Politecnico di Milano, il settore non è ancora riconosciuto a livello regolatorio. Attualmente, i data center vengono identificati come generici edifici industriali, il che porta a una mancanza di chiarezza normativa e all'assenza di un procedimento specifico per l'apertura di nuove strutture.
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro