Integrazione Ccb, 11.500 lavoratori interessati da Fabi

Il primo contratto integrativo per il gruppo bancario Ccb sottoscritto dopo un "lungo percorso negoziale" interesserà 11.500 lavoratori delle Bcc, introducendo "tutele importanti". Il sindacalista Mazzucchi sottolinea l'attenzione ai collaboratori e annuncia un tavolo di lavoro sulla professionalità. Ora la parola passa alle assemblee dei lavoratori.

Fabi, primo integrativo in Ccb, interessa 11.500 lavoratori
Fabi, primo integrativo in Ccb, interessa 11.500 lavoratori
Dopo un "lungo percorso negoziale", è stato sottoscritto il primo contratto integrativo per il gruppo bancario Ccb (Cassa Centrale Banca), che interesserà 11.500 lavoratori delle Bcc (banche di credito cooperativo) e introdurrà "tutele importanti per tutti". A dirlo è Domenico Mazzucchi, coordinatore Fabi per il gruppo, secondo il quale il contratto offre "risposte importanti sulla mobilità territoriale, sul welfare e sulla valorizzazione delle professionalità". "Sono contento - ha sottolineato il sindacalista - perché è prevalso nella delegazione datoriale, in primis l'amministratore delegato, il buon senso e l'attenzione ai collaboratori". "Il lavoro non è finito", ha precisato Mazzucchi, spiegando che "nei prossimi mesi apriremo un tavolo di lavoro sulla professionalità per definire ulteriori profili professionali". "Ora - ha concluso - la parola passa alle assemblee dei lavoratori per l'illustrazione e l'approvazione" del verbale di accordo.
è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro