Eni conferma, la terza bioraffineria italiana sarà a Livorno

Aspetta la Via. Con riconversione stop a importazioni di greggio

Eni conferma, la terza bioraffineria italiana sarà a Livorno

Eni conferma, la terza bioraffineria italiana sarà a Livorno

Eni conferma la decisione di realizzare la terza bioraffineria in Italia a Livorno, progetto per il quale è stata presentata istanza di Valutazione di Impatto Ambientale nel novembre 2022. Eni è in attesa del completamento delle autorizzazioni. Lo riporta una nota del gruppo dove si ricorda che "la conversione del sito industriale di Livorno, sul modello di quanto già realizzato nel 2014 a Porto Marghera e nel 2019 a Gela, conferma la strategia di decarbonizzazione di Eni". Strategia, prosegue, mirata alla "neutralità carbonica entro il 2050 e ad aumentare la capacità di bioraffinazione dagli attuali 1,65 milioni di tonnellate all'anno agli oltre 5 entro il 2030". In linea "con la decisione di convertire la raffineria di Livorno, che consentirà di assicurare un futuro produttivo e occupazionale al sito, Eni ha interrotto le importazioni di greggio e ha conseguentemente avviato la fermata delle linee produttive lubrificanti e dell'impianto Topping. La distribuzione di carburanti sul territorio sarà garantita dall'importazione di prodotti finiti e semilavorati". Previsti la costruzione di tre nuovi impianti per la produzione di biocarburanti idrogenati: un'unità di pretrattamento delle cariche biogeniche, un impianto Ecofining da 500mila tonnellate all'anno e un impianto per la produzione di idrogeno da gas metano.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro