Venerdì 19 Luglio 2024

Correzioni sulle pensioni, rischio fuga dal pubblico

Schillaci rassicura, ma stop medici resta. Meloni vede Panetta

La manovra è blindata. Ma forse non del tutto. La norma che taglia le pensioni di medici e statali, con il suo carico di proteste, è tornata sul tavolo del governo che non esclude un possibile intervento. Non c'è infatti solo da arginare la rabbia dei medici, che non arretrano sullo sciopero. Ma c'è anche da valutare se sussista un profilo di incostituzionalità. Oltre al timore che la misura possa innescare una fuga dei dipendenti pubblici, con possibili contraccolpi non solo in corsia, ma anche per le pratiche del Pnrr aperte negli enti locali. Sul dossier è stato deciso un supplemento di indagine. "Si sta lavorando e sono in corso verifiche ulteriori, per trovare possibili soluzioni nell'ottica di un intervento complessivo", fa sapere il ministro dei rapporti con il Parlamento Luca Ciriani in question time. "C'è tutta l'intenzione e l'interesse a cercare di rivedere la norma", rassicura anche il ministro della Salute Orazio Schillaci in costante contatto con la ministra del lavoro Elvira Calderone. Il sottosegretario Claudio Durigon, evidenziando come dietro tutto ci sia "un'incongruità che rischia di essere incostituzionale", si spinge oltre: il governo, dice, sta lavorando perché la norma venga "espunta dalla manovra". Il contesto macroeconomico e le sfide del prossimo futuro intanto sono state al centro del primo faccia a faccia tra la premier Giorgia Meloni e il nuovo governatore della Banca d'Italia, Fabio Panetta. Il nuovo inquilino di via Nazionale si è insediato la scorsa settimana ma l'incontro è stato rinviato ad oggi per motivi di agenda (la premier era a Londra per il vertice sull'Intelligenza artificiale). Non si sarebbe trattato semplicemente di un saluto istituzionale, ma di un primo confronto su parecchi temi, per porre le basi per una stagione di scambio e collaborazione.