Venerdì 19 Luglio 2024

Borsa: Evergrande pesa sull'Europa che attende Lagarde

Ancora corsa dei rendimenti dei titoli di Stato, sale il gas

I timori sul futuro di Evergrande mettono in allarme i listini con le Borse europee già deboli e con la lente sempre al tema dei tassi. I future su Wall Street, partiti in rialzo, viaggiano ora in negativo mentre lo sguardo del Vecchio Continente è all'audizione, nel primo pomeriggio, della presidente della Bce Christine Lagarde al Parlamento europeo. L'indice d'area, lo Stoxx 600, cede oltre mezzo punto mentre prosegue l'impennata dei rendimenti dei titoli di Stato. Il bund tedesco a 10 anni è sui livelli del 2011. Il btp ritocca i massimi di inizio marzo e viaggia al 4,65%. Lieve incremento per lo spread che si muove su quota 186 punti. Milano cede lo 0,65% con il Ftse Mib a 28.392 punti. Tuttavia restano ben posizionate le banche (Mps +2,6%, Banco Bpm +2,2%, Bper +1,7%) sulla scorta delle modifiche alla tassa sugli extraprofitti. Pesante Amplifon (-7,7%). Tim cede l'1,5% con Kkr che ha chiesto altre due settimane. Fuori dal paniere principale sale Anima holding (+2,6%) con le ipotesi di stampa di un'interesse di Amundi (Credit Agricole) ad una acquisizione. Tra le altre Piazze, Parigi perde lo 0,52% e Francoforte lo 0,64%. L'indice Ifo si è mostrato sostanzialmente stabile a settembre con le aziende tedesche sempre meno soddisfatte anche se il fondo dovrebbe essere stato toccato. Londra lascia invece lo 0,57%. Sul fronte commodity il petrolio è in lieve rialzo con il wti stabilmente a 90 dollari mentre il brent lima a 93,5 dollari al barile. Le incertezze sulla continuità delle forniture norvegesi rende volatile il gas il cui prezzo sale a 42,4 euro al megawattora (+6,5%). Per i cambi l'euro resta debole e scambia a 1,0637 dollari.