24 feb 2022

Ucraina Russia: la benzina volerà sopra i due euro. Stangata anche su pane e pasta

Metano e petrolio battono ogni record, i primi effetti tra pochi giorni. Bollette sempre più care. L’allarme di Federconsumatori: "È una tempesta perfetta, le famiglie contrarranno i consumi"

achille perego
Economia
Paura a Wall Street, un trader di New York guarda incredulo i maggiori titoli crollare in seguito all’invasione russa
Paura a Wall Street, un trader di New York guarda incredulo i maggiori titoli crollare

La guerra in Ucraina non ha avuto solo un effetto immediato sul crollo delle Borse. La nuova impennata delle quotazioni del gas (che ha sfondato la soglia dei 110 euro a megawattora) e del petrolio (oltre i 100 dollari al barile) insieme con i maxi rincari del grano (quasi il 40% in un anno), importato anche da Russia e Ucraina, non potranno non avere pesanti conseguenze sui bilanci di famiglie e imprese. Tanto che in caso di conflitto, il Centro Studi di Unimpresa aveva ipotizzato nei giorni scorsi un aumento extra dell’inflazione dell’1,8% sia nel 2022 sia nel 2023 andando oltre il 6% e un contraccolpo dell’1,1% sul Pil, frenando la crescita stimata per quest’anno sotto il 3%. Sommario Benzina Bollette Agricoltura Carrello della spesa Turismo Il caro-benzina Il forte incremento delle quotazioni del greggio non potrà non avere ripercussioni sul già elevato prezzo alla pompa, arrivato a inizio settimana in modalità self a una media di 1,85 euro al litro per la benzina e 1,722 per il gasolio con aumento da inizio anno, rileva l’Unione nazionale consumatori, pari rispettivamente al 7,6 e all’8,6% per un aggravio di spesa per il pieno, su base annua, di 156 euro per la verde e di 164 per il diesel. Ma se già sono spuntati prezzi, in modalità servito, superiori a 2 euro al litro per la verde, con un petrolio oltre i 100 dollari al barile è possibile ipotizzare che si arrivi al record appunto di 2,01 euro toccato nel 2012 quando il greggio costava 113 dollari al barile. Le maxi bollette Già con gli aumenti di gennaio (+55% la luce e + 41,8% il gas) decisi dall’Arera, l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente, una famiglia tipo con un contratto nel mercato tutelato spenderà ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?