Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 mar 2022

Ucraina, boom prezzi materie prime: aumenti per nickel, gas e granoturco

Costi schizzati all'insù, provocando non pochi problemi a tantissime imprese, molte delle quali risentivano già degli effetti della pandemia

12 mar 2022
Grano
Grano
Grano
Grano

Milano, 12 marzo 2022 - Dopo  17 giorni dall'inizio della guerra tra Russia e Ucraina, i prezzi delle principali materie prime sono schizzati all'insù, provocando non pochi problemi a tantissime imprese, molte delle quali risentivano già degli effetti della pandemia Covid che aveva contribuito a diminuire enormemente l'offerta di una buona parte di questi materiali. La segnalazione arriva dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre, che stila anche una sorta di classifica. 

Secondo l'associazione, della dozzina di voci monitorate, quella che tra il 23 febbraio scorso e ieri ha subito la variazione di prezzo piu' importante e' stato il nickel (+93,8 per cento). Seguono il gas (+48 per cento), il granoturco (+30,3 per cento), il frumento tenero (+29,2 per cento), l'acciaio (+25,1 per cento) e il petrolio (+16,3 per cento). A registrare una variazione negativa, invece, il piombo (-1,3 per cento) e lo stagno (-2,1 per cento). Ma vediamo più nel dettaglio da dove provengono e dove vengono utilizzate alcune di queste materie prime.

Il nickel

Il nickel, detto anche il “rame del diavolo”, è un metallo che si trova in tantissimi oggetti che utilizziamo quotidianamente. Dalle monete ai telefonini, ma anche negli accendini e negli orologi. Per non parlare dell’uso che se ne fa nel mercato sempre più in crescita delle auto elettriche (produzione batterie agli ioni di litio) e nella fabbricazione di prodotti per l’agricoltura, tra cui insetticidi e pesticidi, oltre che nelle fasi di lavorazione degli oli vegetali. Si utilizza inoltre per la formazione di metalli preziosi, argento e oro rosso. La destinazione principale del nickel è l’acciaio inossidabile, detto anche inox ed è dunque utilizzato nella preparazione delle leghe. La Russia è il terzo produttore al mondo, al primo c’è l’Indonesia e al secondo le Filippine. L’elemento chimico si trova principalmente nel suolo.

L'acciaio

L'acciaio viene usato nell'edilizia/costruzioni, nelle infrastrutture, nell'industria ferroviaria, nelle auto, nella costruzione delle piattaforme e trivelle, nella realizzazione degli impianti di estrazione, nelle tubazioni per l'industria chimica e petrolifera, nella costruzione delle centrali elettriche, etc. I principali paesi produttori nel mondo sono: Cina, Giappone, India, Usa, Russia e Corea del Sud.

L'alluminio

L'alluminio viene utilizzato sia allo stato puro sia nelle leghe che forma con basse percentuali di rame, manganese, magnesio e altri componenti. Ciascuna lega presenta specifiche proprietà che la rendono adatta per le testate dei motori, le biciclette, gli aerei, le imbarcazioni, le linee elettriche, gli imballaggi, le costruzioni, i radiatori, gli isolanti termici, gli elettrodomestici, i computer, etc. I principali produttori mondiali sono: Cina, Russia, India, Canada, Emirati Arabi e Australia.

Il granoturco

Il granoturco: dalla lavorazione di questo prodotto si ottiene, in particolar modo, la polenta, il pop corn, l'olio di mais, etc. Viene usato anche come alimento per galline, suini e mucche da latte. I principali Paesi produttori al mondo sono: USA, Cina, Brasile, Argentina e Ucraina.

La guerra del grano: l'Italia rischia di rimanere senza pane e pasta?

Il frumento

Il frumento, dalla trasformazione di questo prodotto si ottiene, in particolar modo, la farina, il pane e la pasta. I principali Paesi produttori al mondo sono: Cina, India, Russia, USA e Canada.

La farina di soia

La farina di soia è particolarmente indicata per la preparazione di impasti lievitati e non, dolci e salati, come pane, pizza, cornetti e brioches. Altresì, è utilizzata come integratore proteico nell'alimentazione del bestiame (bovini, suini e avicoli). I maggiori produttori al mondo di soia sono: USA, Brasile, Argentina, Cina, India e Paraguay.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?