PISA

Tre i vettori di crescita su cui sta spingendo PharmaNutra, che nel 2018 ha chiuso il bilancio con 46,7 milioni di ricavi, in aumento del 23 per cento sull’anno precedente. «Il primo – spiega il vicepresidente del gruppo e cofondatore dell’azienda, Roberto Lacorte – è l’internazionalizzazione. Cinque sono i mercati dove non siamo presenti e dove entro i prossimi 5 anni vorremmo sbarcare: Stati Uniti, Francia, Germania, Regno Unito, Giappone».

Oggi il fatturato dall’estero rappresenta per il gruppo circa il 30 per cento del totale, più del 50 per cento se si considerano i volumi. «Il nostro obiettivo – sottolinea – è quello di incrementare sensibilmente il fatturato estero. Per conseguire questa crescita non punteremo solo su partnership commerciali. Pensiamo anche a formule quali acquisizioni, joint venture, compartecipazioni al capitale». «Attualmente – afferma il vicepresidente – stiamo lavorando con aziende anche di settori contigui al nostro, attratte dal nostro business e dalle nostre potenzialità».

La seconda strategia di crescita è il mercato italiano. «Siamo leader nel nostro Paese per gli integratori di ferro e stiamo crescendo in maniera robusta con la linea Cetilar per lenire le affezioni muscolo-scheletriche. Ma dobbiamo ancora crescere, soprattutto nel mercato del ferro che ha tante potenzialità», dice Lacorte. «Pur essendo leader in questo ambito, abbiamo ancora medici da incontrare e per questo abbiamo potenziato il sistema di gestione della nostra rete vendita italiana e contiamo nel breve di salire dagli attuali 160 informatori a 200».

Terzo vettore di crescita è la nuova sede, ovvero il nuovo polo industriale (nella foto in basso a destra) che sarà pronto, sempre a Pisa, tra un paio d’anni. «Adesso i dipendenti e collaboratori sono divisi tra due sedi. Con il nuovo polo industriale saremo riuniti tutti sotto lo stesso tetto». Non solo. Nella nuova sede sarà realizzato anche un laboratorio di biologia molecolare, uno dei più importanti in Europa, per «qualità e immediatezza di collegamento tra ricerca e sviluppo e produzione». PharmaNutra continuerà anche il suo stretto rapporto con lo sport. In prima linea su questo fronte, è proprio il vicepresidente, che ha una forte passione per vela e motori con cui è protagonista di importanti manifestazioni come la 24ore di Lemans o la Rolex Cup (nella foto in alto a destra). Con la sua Cetilar Racing Academy scopre giovani talenti del motorsport con un programma formativo dedicato alle giovani promesse e, con la sua azienda, li sponsorizza con il brand Cetilar. Non solo vela e automobilismo, ma anche calcio: Cetilar, uno dei prodotti del gruppo, è lo sponsor del Parma Calcio.

Monica Pieraccini