di Achille Perego

Fin dalla prima edizione, nel 2002, è stato un successo. Anche perché, quello ideato da Borsa Italiana, era stato uno dei primi eventi dedicati a mettere in contatto il mondo dei mercati finanziari con quello degli investitori privati e dei trader. Quest’anno, giunta alla sua diciottesima edizione, la Trading Online Expo di Borsa Italiana non poteva non tenere conto – oltre all’evoluzione dei prodotti finanziari e al contesto dei mercati, delle politiche monetarie delle banche centrali e delle condizioni geopolitiche e macroeconomiche – anche dei cambiamenti imposti dall’emergenza Coronavirus. E quindi, spiega Nicolas Bertrand (nella foto), Head of Derivatives and Commodities Markets di Borsa Italiana, questa edizione, in programma dal 20 al 22 ottobre, sarà totalmente online. Tanto che si chiamerà Digital Trading Online Expo 2020.

Già negli ultimi anni l’evento organizzato da Borsa Italiana aveva registrato una quota crescente di partecipanti da remoto tanto che nel 2019 erano stati oltre mille quelli collegati in streaming. L’averlo ora trasformato completamente in digitale non rappresenta un limite anzi, sottolinea Bertrand, "confidiamo che con questa modalità, imposta dalla particolare situazione che stiamo vivendo per la pandemia, la partecipazione sarà ancora maggiore. Così come renderà possibile l’intervento di speaker internazionali, dagli Stati Uniti a Hong Kong, che non avrebbero potuto essere presenti fisicamente all’evento".

L’altra grande novità della Trading Online Expo 2020 è l’allungamento dell’evento – uno dei più importanti a livello europeo dedicati al trading e agli investimenti – da due a tre giorni. Tre giornate che permetteranno ai partecipanti di seguire – con più canali aperti in contemporanea sulla piattaforma – webinar, corsi, interviste e persino l’apertura di un mercato importante come quello di Wall Street. E anche cimentarsi, con l’appuntamento del Tol Contest, in una vera e propria gara online di trading simulato. "Anche per questa edizione – ricorda Bertrand – lo scopo principale è quello educativo. Avvicinare quindi investitori privati e trader al mondo della finanza con l’intervento di esperti e speaker di fama internazionale, broker online e trader professionisti".

L’informazione e la formazione – con panel dedicati – prevede vari livelli e quindi sarà fruibile sia per chi si approccia ai mercati come principiante e sia per chi invece può vantare già un’esperienza in tal senso.

L’obiettivo è quello di fornire strumenti e conoscenze per accedere ai mercati e poter costruire e gestire al meglio il proprio portafogli di investimenti. Tenendo conto anche di come il picco dell’emergenza Covid abbia influito sull’andamento dei mercati con un aumento della volatilità che impone un approccio più dinamico e flessibile alle strategie di investimento rispetto al tradizionale modus operandi del ‘cassettista’ che investe nel lungo periodo. Un approccio reso possibile anche dall’innovazione e dalla diversificazione degli strumenti finanziari a disposizione degli investitori e del trading online. Che vede Borsa Italiana vantare la quota più elevata tra i mercati europei di trader online, la cui operatività giornaliera copre, secondo fonti esterne, circa il 15-20% dei volumi complessivi di Piazza Affari.

Così come è elevato il numero di strumenti finanziari innovativi (dagli Etf agli Etc, dalle opzioni ai certificati) disponibili per gli investitori oltre alle classiche azioni quotate. Azioni che hanno visto da gennaio a metà settembre una crescita del 41% degli scambi con una media record di 352mila contratti giornalieri e un più 15% a 2,5 miliardi del controvalore scambiato, con mezzo miliardo (+76%) per i quasi 1300 Etf quotati.