La parola magica del turismo del futuro è experience, ovvero esperienza. Per questo il Consorzio del Parmigiano Reggiano lancia “Parmigiano Reggiano Experience”. Da oggi sul sito www.parmigianoreggiano.it è possibile, in tempo reale, prenotarsi per la visita in caseificio. Il futuro, d’altra parte, è sempre più digital, senza però dimenticare il territorio e la sua autenticità. Sono proprio “territorio” e “autenticità” le parole più ricercate sui motori di ricerca dai viaggiatori italiani ed internazionali. Se i turisti esteri, negli ultimi mesi, si sono dovuti arrendere alle restrizioni che molti paesi, compresa l’Italia, hanno introdotto a causa del Covid, la voglia di autenticità e di vivere al meglio il lifestyle made in Italy, restano però ai primi posti dell’agenda dei viaggiatori. Un turista su quattro, anzi, secondo fonte Enit, Ente nazionale del turismo, si lascia orientare nella scelta della destinazione proprio dal gusto. La proposta enogastronomica, quindi, è trainante, sia per i turisti internazionali, sia per quelli domestici.

Da qui l’idea del Consorzio di rendere sempre più fruibili i caseifici. Nel 2019 sono stati 168 mila i turisti che hanno visitato l’area di produzione del re dei formaggi, ma le richieste negli ultimi tre anni sono aumentate del 54%, a dimostrazione che c’è voglia di autenticità. I caseifici, come le stalle, quindi, non sono più solo luoghi di lavoro, ma anche di esperienza per i viaggiatori. D’altra parte, chi non ha mai sognato di entrare in uno dei caveau nei quali vengono stagionate per lunghi mesi, da 12 a 40, le forme di Parmigiano Reggiano? Oggi è possibile farlo, andando sul sito e prenotandosi nella sezione “Visita e degusta”. I contenuti sono innovativi, pop e curiosi, per tutti i pubblici e per tutti i palati.

Per la Dop italiana più conosciuta del mondo, sono molte le innovazioni nell’ambito del marketing, dal QR Code, inquadrabile nelle vetrine dei punti vendita che hanno il Parmigiano Reggiano e nei caseifici, grazie ad una nuova vetrofania dedicata proprio a “Parmigiano Reggiano Experience”, ad una presenza più significativa e capillare negli Autogrill di tutto il paese. Ovunque, nella rete autostradale nazionale, sarà possibile, non solo acquistare il prodotto, ma conoscerne la storia, grazie ai totem presenti nelle aree di servizio. L’idea è quella di rendere più facile l’incontro fra la domanda e l’offerta, ma anche più piacevole e gustosa l’esperienza.

La Regione Emilia-Romagna investe da qualche anno sulla via Emilia, come luogo naturale della Food Valley, un grande parco naturale del gusto e a cielo aperto che da Cattolica arriva a Piacenza. All’interno di questo contesto si trova anche il territorio di produzione del re dei formaggi italiani, da oggi ancora più disponibile ad accogliere i turisti. È un’opportunità in più per quei viaggiatori che, lungo la via Emilia, vanno alla scoperta degli antichi cammini, delle città d’arte, ma anche e sempre più della tradizione dei luoghi, da quella dell’artigianato tipico per finire a quella dei sapori.

l. m.