Stefano Antonio Donnarumma, 53 anni di Milano, è amministratore delegato di Terna
Stefano Antonio Donnarumma, 53 anni di Milano, è amministratore delegato di Terna
Crescono gli investimenti e migliorano tutti gli indicatori economici. Questi, in sintesi, i risultati del primo trimestre conseguiti da Terna, e approvati ieri dal consiglio di amministrazione. Nel corso dei primi tre mesi dell’anno – viene spiegato dal gruppo – Terna ha registrato risultati economici in crescita: i ricavi sono aumentati del 9,6% a 621,8 milioni di euro, l’Ebitda...

Crescono gli investimenti e migliorano tutti gli indicatori economici. Questi, in sintesi, i risultati del primo trimestre conseguiti da Terna, e approvati ieri dal consiglio di amministrazione. Nel corso dei primi tre mesi dell’anno – viene spiegato dal gruppo – Terna ha registrato risultati economici in crescita: i ricavi sono aumentati del 9,6% a 621,8 milioni di euro, l’Ebitda del 4,5% a 453,6 milioni di euro, mentre l’utile netto del periodo ha registrato un aumento del 2% a 190,4 milioni di euro. Bene gli investimenti in rialzo dell’11% a 241,5 milioni.

Più che soddisfatto l’amministratore delegato e direttore generale Stefano Antonio Donnarumma: "I risultati del primo trimestre – ha sottolineato l’ad – confermano il ruolo di Terna quale regista della transizione energetica e importante volano della ripresa economica: a investimenti in forte crescita si sono accompagnate robuste performance di tutti gli indicatori economici. Nel corso del periodo abbiamo registrato avanzamenti di tutti i nostri principali progetti, in linea con quanto previsto dal Piano Industriale 2021-2025 ‘Driving Energy’, ed è partito formalmente NexTerna, il programma di evoluzione del nostro modo di lavorare che ci consentirà di cogliere le opportunità che il nuovo scenario ci offre", ha dichiarato Donnarumma.

Con riferimento all’esercizio 2021, pur in presenza di uno scenario pandemico ancora in evoluzione, il gruppo – si legge in una nota – si impegna a rafforzarsi come regista del sistema energetico italiano e della transizione ecologica.

Tra le principali infrastrutture elettriche in corso di realizzazione figura l’interconnessione con la Francia e l’avvio delle survey preliminari del nuovo progetto SA.CO.I.3 (rafforzamento del collegamento tra Sardegna, Corsica e Penisola Italiana). Nel corso del 2021 proseguiranno inoltre gli interventi di razionalizzazione delle reti elettriche nelle aree metropolitane".

red. eco.