di Elena Comelli Carrefour lancia un salvagente per i giovani in cerca di lavoro ai tempi della pandemia. L’amministratore delegato del colosso francese dei supermercati ha annunciato ieri che assumerà, nel 2021, 15mila giovani della "generazione Covid", il 50% in più rispetto alle medie degli ultimi anni. "Quest’anno, per la generazione Covid, sarà incredibilmente difficile", ha detto Alexandre Bompard ai microfoni di Rtl. Ogni anno in Francia quasi 750.000 giovani sotto i 25 anni...

di Elena Comelli

Carrefour lancia un salvagente per i giovani in cerca di lavoro ai tempi della pandemia. L’amministratore delegato del colosso francese dei supermercati ha annunciato ieri che assumerà, nel 2021, 15mila giovani della "generazione Covid", il 50% in più rispetto alle medie degli ultimi anni. "Quest’anno, per la generazione Covid, sarà incredibilmente difficile", ha detto Alexandre Bompard ai microfoni di Rtl.

Ogni anno in Francia quasi 750.000 giovani sotto i 25 anni arrivano sul mercato del lavoro, quest’anno particolarmente indebolito a causa della crisi sanitaria ed economica. Il governo francese ha messo in atto misure specifiche, con un investimento di 6,7 miliardi di euro, per cercare di ridurre il loro tasso di disoccupazione, attualmente al 21%. Ma le aziende restano prudenti.

"Non possiamo restare a guardare, siamo il più grande datore di lavoro privato in Francia e ho deciso di entrare in contatto con questi giovani", ha spiegato Bompard, precisando che almeno metà di questi 15.000 assunti dovrà provenire da quartieri svantaggiati.

Ex capo di Europe 1 e della Fnac, Bompard ha enumerato una serie di azioni intraprese nei confronti dei giovani, con l’obiettivo di "fornire soluzioni molto concrete". Prima soluzione, a favore degli studenti universitari, è l’offerta di 3.000 stage l’anno prossimo "ai ragazzi del terzo anno provenienti dai quartieri svantaggiati". Seconda soluzione: "Finanziare la patente di guida".

I giovani che arrivano a Carrefour per un periodo di studio-lavoro o di apprendistato, saranno aiutati a prendere la patente con un contributo fino a 500 euro. Da quando è arrivato alla testa del gruppo, tre anni fa, Bompard ha messo in atto un vasto piano di trasformazione, che ha portato all’eliminazione di 2.400 posti di lavoro nella sede centrale su 10.500 dipendenti, attraverso uscite volontarie. Ora evidentemente è arrivata l’ora del ricambio generazionale.

Carrefour è un datore di lavoro importante anche in Italia, dove nelle ultime settimane ha lanciato una serie di offerte di lavoro riservate ai giovani: in particolare ha aperto le selezioni per neodiplomati da inserire nell’Accademia dei freschi, neolaureati da avviare a un percorso di store manager e capireparto che abbiano già maturato esperienza nello stesso settore.

Gli inserimenti delle nuove risorse riguardano le sedi lavorative di tredici province: Torino, Bergamo, Como, Monza, Milano, Pavia, Sondrio, Varese, Frosinone, Roma, Latina, Viterbo e Rieti.