Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
14 giu 2022

Superbonus 110, ultime notizie: ipotesi proroga crediti e trasformazione in Btp

Cinque miliardi di euro incagliati nelle banche: corsa contro il tempo

14 giu 2022
antonio troise
Economia
Operai di una ditta di noleggio ponteggi smontano un ponteggio allestito sulla facciata di un edificio del centro di Milano, 15 marzo 2022. Arriva una 'mini' proroga della scadenza per la comunicazione dell'opzione di cessione del credito o sconto in fattura dei bonus edilizi: un emendamento al decreto Sostegni ter approvato nella notte al Senato sposta la data inizialmente prevista al 7 aprile al 29 aprile. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
Superbonus 110: ipotesi proroga crediti e trasformazione in Btp (Ansa)
Operai di una ditta di noleggio ponteggi smontano un ponteggio allestito sulla facciata di un edificio del centro di Milano, 15 marzo 2022. Arriva una 'mini' proroga della scadenza per la comunicazione dell'opzione di cessione del credito o sconto in fattura dei bonus edilizi: un emendamento al decreto Sostegni ter approvato nella notte al Senato sposta la data inizialmente prevista al 7 aprile al 29 aprile. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
Superbonus 110: ipotesi proroga crediti e trasformazione in Btp (Ansa)

Roma, 14 giugno 2022 - Corsa contro il tempo per salvare i crediti già maturati dai condomini e dalle aziende che eseguono i lavori con il Superbonus 110%. La notizia dell’esaurimento dei fondi a disposizione per l’incentivo ha fatto suonare più di un campanello di allarme. Spingendo quasi tutti i partiti a correre ai ripari. In gioco ci sono almeno 5 miliardi di euro incagliati nella pancia delle banche, per lo più quelli che dovevano essere ceduti a Poste o che avevano errori formali, che potrebbero mettere a rischio non solo le 33mila imprese edili impegnate in questo settore, ma gli stessi condomini, chiamati dall’Agenzia delle Entrate a restituire i crediti già incassati se i lavori non saranno completati come da crono-programma. Insomma, una vera e propria bomba sociale. Così, in Commissione Attività Produttive della Camera è stato presentato già un emendamento bipartisan, firmato da 53 deputati di M5s, Pd, Leu, Forza Italia e Coraggio Italia. Nessuna firma, invece, dai renziani di Italia Viva e dalla Lega. Tre i capitoli principali della proposta. Il primo prevede una sorta di proroga senza termini dei crediti maturati, che consentirebbe alle imprese di non perderli anche se i lavori dovessero andare troppo avanti e, soprattutto, se non trovassero banche disposte ad acquistarli. "La quota di crediti d’imposta maturata dai fornitori per sconti sul corrispettivo dovuto, praticati in relazione a spese sostenute nel 2021 e non utilizzata nel 2022", potrà essere infatti "usufruita anche negli anni successivi". Ma non basta. Le banche e gli intermediati qualificati potranno usare i crediti acquisiti a partire dal primo gennaio del 2022 anche per sottoscrivere Buoni del tesoro pluriennali (Btp) con decorrenza dal gennaio 2027 e scadenza non inferire ai dieci anni. In questa maniera si supererebbe, almeno sulla carta, il problema della dotazione finanziaria. Infine, l’ultima norma, agevola ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?