John Elkann, 45 anni, è presidente di Stellantis dal 16 gennaio del 2021
John Elkann, 45 anni, è presidente di Stellantis dal 16 gennaio del 2021
Partenza lanciata nel mercato dell’elettrico per il nuovo colosso dell’auto Stellantis. John Elkann, nella tradizionale lettera inviata agli azionisti della holding Exor, ha annunciato che la compagnia italo-francese punta a triplicare le consegne di veicoli elettrici entro la fine dell’anno in corso. "Grazie alla sua dimensione Stellantis potrà investire risorse per offrire ai suoi clienti nuovi...

Partenza lanciata nel mercato dell’elettrico per il nuovo colosso dell’auto Stellantis. John Elkann, nella tradizionale lettera inviata agli azionisti della holding Exor, ha annunciato che la compagnia italo-francese punta a triplicare le consegne di veicoli elettrici entro la fine dell’anno in corso. "Grazie alla sua dimensione Stellantis potrà investire risorse per offrire ai suoi clienti nuovi prodotti, grazie a un portafoglio di marchi rinomati", spiega il presidente del gruppo nato dalla fusione tra Fca e Psa. "Inoltre, sarà in grado di aumentare significativamente la sua attuale gamma di modelli elettrificati: nel 2021, con 11 nuovi modelli ad alto voltaggio, prevediamo di quasi triplicare le nostre vendite globali di veicoli (elettrici e ibridi plug-in) da 139.000 a 400.000".

Nella lettera Elkann, dopo aver assicurato che il cda "sta facendo buoni passi avanti nel processo di selezione del leader che guiderà Ferari" – su cui però non vengon date ulteriori informazioni – dedica ampio spazio al settore auto. "Nel secondo trimestre del 2020 abbiamo anche vissuto un cambiamento epocale nel settore automobilistico, caratterizzato dal blocco degli stabilimenti e della produzione in tutto il mondo", afferma il nipote di Gianni Agnelli riferendosi alla pandemia. I dati di marzo registrano un notevole rimbalzo del mercato italiano rispetto al marzo del 2020, ma è un dato falsato dal primo lockdown, che determinò un crollo delle vendite dell’85%.

Quest’anno i volumi sono quintuplicati, con 169.684 immatricolazioni rispetto a marzo 2020, ma le vendite sono in calo del 12,7% rispetto a marzo 2019. Tuttavia, se si prendono in considerazione le 142.998 immatricolazioni di febbraio, emerge una crescita del 18,6%. Per Stellantis, invece, è il terzo calo mensile consecutivo: appena 68.449 le registrazioni, il 14,6% in meno rispetto a marzo 2020. Tra i marchi in spolvero brilla Tesla, con 1.366 immatricolazioni (+407,8% su marzo 2020). Un successo che dimostra l’urgenza del passaggio all’elettrico.

Elena Comelli