Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
11 giu 2022
11 giu 2022

Rischio stagflazione mondiale: cos'è e quali sono le conseguenze

La combinazione di inflazione e crescita stagnante è l'incubo di tutti gli economisti. Trovare una soluzione per uscirne non è semplice

11 giu 2022
featured image
Il premier Mario Draghi con il presidente della Banca Mondiale, David Malpass
featured image
Il premier Mario Draghi con il presidente della Banca Mondiale, David Malpass

Roma, 11 luglio 2022. Lo spettro della stagflazione si aggirerà per l’Europa (e in tutto il resto del mondo) per i prossimi dieci anni. Almeno secondo l’allarme lanciato dalla Banca Mondiale nei giorni scorsi. Ma cos’è esattamente la stagflazione e perché è pericolosa?

Conti deposito, oro, mutui col tetto. Ecco come tutelare i nostri risparmi

La definizione

Stagflazione è la crasi di stagnazione e inflazione. Il termine indica una fase in cui i prezzi aumentano (inflazione) senza che ci sia crescita economica. Il fenomeno, secondo gli esperti, si presenta quando il mercato globale si trova ad affrontare un cosiddetto choc dell’offerta, come ad esempio il rapido aumento del prezzo del petrolio verificatosi nel 1973 a causa della guerra del Kippur. L’impennata delle materie prime verificatasi in seguito all’invasione dell’Ucraina ha di fatto riportato indietro l’orologio di quasi 50 anni, riportando il mondo a una situazione simile a quella degli anni Settanta.

Cottarelli: "Ora bisogna fermare l’inflazione"

Cosa sta succedendo

Il Pil globale quest’anno, secondo le stime della Banca Mondiale, crescerà appena del 2,9%, in netto calo rispetto alle previsioni (+4,1%) di gennaio. Gli Usa nel 2022 faranno segnare un +2,5% e nel 2023 un +2,4%. Eurolandia farà peggio: quest’anno crescerà del 2,5%, ma nel 2023 appena dell’1,9%. “Il rischio di stagflazione è considerevole”, ha fatto notare David Malpass, il presidente della Banca Mondiale. Lo scenario peggiore elaborato dai tecnici della Bm, prevede una crescita globale vicina allo zero nei prossimi due anni.

Perché è pericolosa

Generalmente quando l'economia stagna, l'inflazione è bassa perché la domanda dei consumatori è ridotta e molti prodotti e servizi sono inutilizzati. L'inflazione elevata è invece più probabile quando l’economia cresce e l'aumento della domanda dei consumatori fa salire i prezzi. La stagflazione significa crescita debole e prezzi in aumento. Le Banche centrali sono così davanti a un bivio insidioso: aumentare i tassi di interesse per combattere l'inflazione, infatti, rischia di rallentare ancora di più un'economia che è già debole.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?