LA ROTTA verso la circular economy è tracciata e passa da Rimini. Da domani, martedì 26 ottobre, a giovedì al quartiere fieristico riminese di Italian Exhibition Group (IEG) Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale. Le due manifestazioni di IEG tornano in presenza con mille brand in esposizione e un’occupazione della superficie che si attesta al 90% rispetto ai livelli del 2019. In mostra soluzioni ed eccellenze di imprese italiane e, sul versante europeo in particolare, dal Nord Europa. Due gli assi principali: un dispiegamento completo delle filiere della Green Economy, con novità tecnologiche di settore e convegni che pongono l’attenzione sulle opportunità che il Pnrr e il Green Deal europeo aprono per imprese e amministrazioni pubbliche in Italia. "Ecomondo e Key Energy, oggi più che mai, rappresentano...

LA ROTTA verso la circular economy è tracciata e passa da Rimini. Da domani, martedì 26 ottobre, a giovedì al quartiere fieristico riminese di Italian Exhibition Group (IEG) Ecomondo e Key Energy si preparano a modificare il paradigma dell’economia reale. Le due manifestazioni di IEG tornano in presenza con mille brand in esposizione e un’occupazione della superficie che si attesta al 90% rispetto ai livelli del 2019. In mostra soluzioni ed eccellenze di imprese italiane e, sul versante europeo in particolare, dal Nord Europa. Due gli assi principali: un dispiegamento completo delle filiere della Green Economy, con novità tecnologiche di settore e convegni che pongono l’attenzione sulle opportunità che il Pnrr e il Green Deal europeo aprono per imprese e amministrazioni pubbliche in Italia. "Ecomondo e Key Energy, oggi più che mai, rappresentano l’appuntamento in cui mondo accademico, imprese e decisori si confronteranno per fare il punto sui piani attuati per la transizione verde e le ricadute sul sistema Paese", spiega il Presidente di IEG, Lorenzo Cagnoni.

Le due manifestazioni mettono l’accento sul tema rigenerazione: decarbonizzazione, energia eolica e solare, sustainable city, mobilità elettrica, gestione dei rifiuti urbani, applicazioni civili dell’idrogeno, monitoraggio dei progetti europei di raccolta e trattamento dei rifiuti plastici raccolti in mare, digitalizzazione, vivacità delle start-up e scale-up italiane e estere nel mercato della green economy. "L’impianto generale delle conferenze – riassume l’amministratore delegato di IEG, Corrado Peraboni – parte dalle azioni di politica economica e ambientale europea per arrivare al contesto italiano, con focus sulle filiere industriali, spesso presentandone i casi di studio".

Dalla decarbonizzazione alla bioeconomia circolare sarà uno dei temi affrontati attraverso le tecnologie, l’innovazione, le start-up, le istituzioni europee e governative e l’internazionalizzazione. Tra novità e innovazione, Ecomondo compie un viaggio nella sanificazione degli ambienti. Novità anche per i sistemi di efficientamento idrico e il rischio idrogeologico. Alle nuove imprese che presenteranno le soluzioni più innovative per mitigare i cambiamenti climatici, andrà il premio ´Climate For Kick´ in collaborazione con Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Sul fronte della convegnistica, Ecomondo sarà caratterizzato da una forte presenza della Commissione Europea, che porterà in Fiera la doppia strategia sul tema decarbonizzazione: riduzione dei gas climalteranti e rafforzamento della biodiversità attraverso la rigenerazione del suolo, delle foreste e dei mari.

Torna SAL.VE, il salone biennale del veicolo ecologico. L’accordo prevede la partecipazione in fiera delle aziende leader mondiali nel settore degli allestitori di veicoli ecologici per le prossime tre edizioni del salone biennale, quindi fino al 2027. In mostra a SAL.VE, l´intera gamma della produzione di veicoli e allestimenti per l´igiene urbana e la raccolta e il trasporto dei rifiuti solidi e liquidi e lo spazzamento stradale.

Le Beacon conferences offriranno l’occasione di approfondimenti attraverso un ricco il programma di eventi curati dal Comitato scientifico presieduto dal professor Fabio Fava. Il progetto pilota BlueMed per un Mediterraneo sano e senza plastica sarà il tema dell’incontro di domani. Sempre domani l’incontro a cura del Forum per la Finanza Sostenibile, in collaborazione con WWF ed Eurosif, ‘Obiettivo net-zero’: come raggiungerlo?’. Le Azioni sistemiche europee di Horizon 2020 per città, regioni e industrie circolari e water-smart sarà il tema dell’evento a cura di Water Europe di mercoledì, mentre APRE – Agency for the Promotion of European Research farà luce sui primi risultati e i nuovi approcci del Green Deal europeo. Sempre mercoledì un incontro a cura di Intesa Sanpaolo sulle partnership pubblico-private per l’economia circolare. Giovedì focus sulle politiche per la salute del suolo. Le iniziative entro il piano di azione europeo di economia circolare saranno poi al centro dell’evento di venerdì a cura di ENEA e ICESP.

Gli Stati Generali della Green Economy 2021, arrivati alla decima edizione, si svolgeranno domani e mercoledì. L’appuntamento è organizzato dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 68 organizzazioni di imprese.