Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 giu 2022

Mobilità, Italia in ritardo nella transizione ‘green’

13 giu 2022
featured image
Mobilità, Italia in ritardo nella transizione ‘green’
featured image
Mobilità, Italia in ritardo nella transizione ‘green’

PER L’INDUSTRIA italiana dell’automotive è una ‘spada di Damocle’ annunciata, ma non per questo meno pericolosa. La decisione del Parlamento europeo di vietare la vendita di autoveicoli alimentati a benzina, diesel, GPL e perfino ibridi a partire dal 2035 ha alzato il velo sulla scarsa capacità di lobbying del sistema Italia a Bruxelles e Strasburgo, ma anche (soprattutto) sul ritardo tecnologico dell’industria italiana nella transizione verso la mobilità sostenibile. Il provvedimento era ampiamente previsto perché rientra nel pacchetto "FIT for 55" presentato dalla Commissione Ue già nel luglio 2021, che si pone i due ambiziosi obiettivi di tagliare le emissioni inquinanti nell’Unione del 55% rispetto al 1990 entro il 2030 e di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. E più ampiamente, questa decisione è una pietra miliare della strategia – annunciata fin dal suo insediamento nel novembre 2019 – dalla Commissione Von der Leyen (nella foto a destra) di porsi alla guida dell’intero pianeta nel processo di trasformazione green delle nostre produzioni e delle nostre abitudini. Già due anni e mezzo fa, dunque, la strategia che ha portato a questa misura radicale era nota. Potevano essere incerte soltanto radicalità e rapidità della sua applicazione, non certo l’obiettivo finale: nel mondo ideale avrebbe dovuto determinare quindi switch radicali dei piani industriali dei player del settore automotive. Evidentemente, ciò non è accaduto per tutti. Anfia, l’associazione che rappresenta la filiera dell’industria automobilistica italiana, denuncia oggi "70mila posti di lavoro a rischio nell’industria dell’automotive legata alla produzione di componenti che non serviranno per l’elettrico": la produzione dei veicoli elettrici e dei loro componenti non sarebbe in grado di compensare la perdita di posti di lavoro, causata dalla morte progressiva delle produzioni tradizionali. Anche perché la produzione di batterie per le auto elettriche avviene ancor oggi, in grandissima parte, lontano dalle nostre latitudini. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?