14 feb 2022

Green e sociali, ora lo scoglio è il superbonus

POZZI DI ACQUA POTABILE La coscienza ambientalistica e solidale di NWG Italia si materializza anche nel sostegno ad Amref iniziato nel 2004. In 18 anni sono stati realizzati in Africa di 102 pozzi di acqua potabile che hanno salvato oltre 50mila vite nella zona di Malindi, in Kenya. «Altri 40 pozzi sono stati cantierizzati – dice il presidente D’Antini – e saranno consegnati entro quest’anno»
Green e sociali, ora lo scoglio è il superbonus

UN’AZIENDA che ha chiuso il 2021 con un volume di affari intorno ai 50 milioni di euro rispetto ai 30 dell’anno precedente. Tanto è vero che Banca Intesa l’ha premiata tra le 144 imprese italiane che sono cresciute di più nel periodo Covid. NWG Italia però non pensa solo al profitto ma anche a formare una coscienza ambientalista nelle giovani generazioni, schierando in prima linea i propri dipendenti e affianca Amref in progetti per la salute del continente africano. Guadagno e solidarietà che si uniscono in una sinergia virtuosa ma la burocrazia e gli errori di una politica spesso miope rischiano di produrre gravi danni, non solo per l’azienda pratese da 18 anni nella green economy, ma anche alle tante realtà imprenditoriali che hanno puntato sul superbonus 110%. La frenata determinata dalla stretta sulla cessione del credito configura effetti molto pesanti, come sottolinea il presidente di NWG Italia Francesco D’Antini. "Per il 2022 abbiamo 85 milioni di euro di credito contrattualizzati ai nostri clienti. Il decreto Ter è sbagliato nel suo concepimento, perché un’azienda come la nostra, pur lavorando con numeri impressionanti, non può compensare a livello fiscale. Tra 60 giorni speriamo in novità importanti con il cambio di un decreto che ha prodotto una situazione surreale dopo il boom della prima fase. Il superbonus del 110% si chiuderà al 30 giugno e bisognerà fare presto". NWG Italia è quella che si definisce un’azienda virtuosa, in netta crescita grazie a scelte oculate e vincenti. Ha ampliato la rete commerciale, realizzato una linea di produzione con un kit che riguarda energia elettrica e riscaldamento a raggi solari e puntato sull’efficientamento di case a impatto zero. Con la crescita del fatturato aumenta costantemente anche l’occupazione, con i dipendenti che sfiorano quota 140 unità grazie anche al raddoppio degli installatori. Il boom come conferma ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?