Roma, 5 maggio 2021 -  È corsa contro il tempo al Ministero dell’Economia per far quadrare il cerchio del nuovo decreto Sostegni bis, per poi approvarlo a stretto giro. Ma anche guardando solo la prima bozza, sembra profilarsi il raddoppio, in media, dei contributi a fondo perduto per imprese e partite Iva: come risulta dalle simulazioni che pubblichiamo, l’indennizzo, per chi ha fatto la domanda e ha ottenuto quello previsto dal precedente decreto, di fatto raddoppia e sarà erogato in automatico. Ma, se si riterrà più conveniente, si potrà utilizzare anche una nuova modalità di calcolo: anche se in questo caso occorrerà presentare una nuova istanza. Green pass Italia ed europeo: come funzionano e come ottenerli Decreto Sostegni bis: la bozza in Pdf. Tutte le novità Nel frattempo, però, ieri si sono moltiplicati gli emendamenti approvati al Senato al decreto Sostegni Uno. In primo piano più tempo (sei mesi in più) per utilizzare i voucher per viaggi e concerti saltati causa Covid, via la prima rata Imu per le imprese con cali di fatturato del 30% e azzeramento del canone Rai per...

Roma, 5 maggio 2021 -  È corsa contro il tempo al Ministero dell’Economia per far quadrare il cerchio del nuovo decreto Sostegni bis, per poi approvarlo a stretto giro. Ma anche guardando solo la prima bozza, sembra profilarsi il raddoppio, in media, dei contributi a fondo perduto per imprese e partite Iva: come risulta dalle simulazioni che pubblichiamo, l’indennizzo, per chi ha fatto la domanda e ha ottenuto quello previsto dal precedente decreto, di fatto raddoppia e sarà erogato in automatico. Ma, se si riterrà più conveniente, si potrà utilizzare anche una nuova modalità di calcolo: anche se in questo caso occorrerà presentare una nuova istanza.

Green pass Italia ed europeo: come funzionano e come ottenerli

Decreto Sostegni bis: la bozza in Pdf. Tutte le novità

Nel frattempo, però, ieri si sono moltiplicati gli emendamenti approvati al Senato al decreto Sostegni Uno. In primo piano più tempo (sei mesi in più) per utilizzare i voucher per viaggi e concerti saltati causa Covid, via la prima rata Imu per le imprese con cali di fatturato del 30% e azzeramento del canone Rai per alberghi, bar e ristoranti, che potranno anche mettere i tavolini all’aperto senza pagare la tassa sull’occupazione del suolo pubblico fino alla fine dell’anno. Sono le principali novità approvate dalle commissioni Bilancio e Finanze di Palazzo Madama.

Coprifuoco eliminato? Di Maio: "Ci stiamo lavorando"

Ma non le sole. Nella maratona notturna sono passati un centinaio di altri emendamenti, tra i quali arrivano anche fondi per le tv locali, per i bus turistici, per le città d’arte e 40 milioni per i maestri di sci. Oltre alla proroga delle concessioni per gli ambulanti. E a un fondo per il pagamento degli alimenti per i padri separati in difficoltà per la crisi. Le risorse disponibili per il passaggio al Senato sono andate in gran parte alle imprese per una prima estensione dei contributi sui costi fissi – dall’Imu appunto al canone Rai – in attesa che il prossimo decreto chiuda il cerchio con un nuovo round da 14 miliardi di indennizzi, fondi per ridurre la Tari, credito di imposta sugli affitti.

Intanto arriva un parziale sollievo per i proprietari, che non dovranno pagare le tasse sui canoni non riscossi anche per i contratti in essere già prima del 2020. E sul fronte della casa c’è anche un nuovo intervento sugli sfratti che da un lato proroga il blocco per le procedure esecutive attivate da febbraio 2020, dopo l’inizio della pandemia, e dall’altro, di fatto, conferma lo sblocco a partire dal primo luglio per gli sfratti pre-Covid. Una scelta che non convince Confedilizia. Per le imprese gli interventi spaziano dagli aiuti – un contributo minimo di mille euro – per i cosiddetti esodati dei ristori, in pratica le start up rimaste fuori dai paletti delle nuove attività, alla possibilità di cedere il credito d’imposta per gli investimenti all’interno del piano Transizione 4.0.

Ci sono anche l’annunciato rinvio dell’acconto Irap a settembre per chi aveva usufruito dell’esonero del decreto Rilancio per errore fino a una sorta di indennità Coronavirus per i professionisti, con la sospensione delle scadenze in caso di contagio. E nel finale anche la previsione di più stringenti controlli sul piano di adeguamento delle gallerie italiane più lunghe di 500 "ai requisiti minimi di sicurezza" fissati dall’Ue: sono circa il 18 per cento del totale a dover essere ristrutturate.

Imprese: stop rata Imu. E tavolini gratuiti

Lo stop al pagamento della prima rata Imu per le attività colpite dalla crisi viene anticipato nel Dl Sostegni I. Proroga al 30 settembre per il termine del pagamento del primo acconto Irap ed estesa fino a fine anno l’esenzione dal canone di occupazione del suolo pubblico per i locali.

Ambulanti: altri tre mesi senza bandi

Un emendamento del Dl Sostegni contiene anche la proroga di 90 giorni dopo la fine dello stato di emergenza agli ambulanti nei Comuni che hanno deciso di mettere a bando gli spazi (applicando la Bolkestein).

Casa: stop sfratti. Ma solo se post-Covid

Il governo usa ’bastone e carota’ sugli sfratti. Da un lato, è prorogato il blocco per gli sfratti esecutivi attivati da febbraio 2020, quindi dopo l’inizio della pandemia. Quelli invece precedenti alla crisi Covid, dal prossimo primo luglio possono essere eseguiti. 

Teatri: credito d’imposta del 90 per cento

Credito d’imposta del 90% per le attività culturali che hanno perso almeno il 20% tra ’19 e ’20. Un contributo indirizzato alle attività teatrali e agli spettacoli dal vivo messi in ginocchio dalla pandemia.

Viaggi e concerti: più tempo per voucher di rimborso

Proroga di sei mesi – da 18 mesi a due anni – della durata dei voucher viaggi emessi per voli, treni, soggiorni in hotel, pacchetti turistici ma anche per gite scolastiche e viaggi di istruzione. Durano invece tre anni quelli per gli spettacoli. C’è la possibilità di avere rimborsi anche dalle palestre.

Banche: sconti per fusioni. Cresce dote Mps

L’incremento degli incentivi fiscali alle fusioni bancarie aumenta di 1,1 miliardi di euro, a quota 3,4 miliardi, la ‘dote’ di Mps in caso di nozze con Unicredit. Mossa, non è un mistero, gradita al Tesoro.

Genitori separati, pronti fino a 800 euro

Nasce un fondo da 10 milioni di euro per il 2021 per i genitori separati e divorziati che, a causa del Covid, hanno perso il lavoro o ridotto la loro attività per assicurare la continuità dell’assegno di mantenimento. L’importo massimo sarà di 800 euro mensili.