Draghi (al centro), Franco e Orlando in conferenza stampa (Ansa)
Draghi (al centro), Franco e Orlando in conferenza stampa (Ansa)

Roma, 20 maggio 2021 - Il Consiglio dei ministri di oggi  ha approvato il Decreto Sostegni-bis. Già dalla mattina circolava la bozza con i 77 articoli, dalla quale spunta un tentativo di garantire un nuovo finanziamento degli incentivi per la rottamazione e l'acquisto di veicoli meno inquinanti, anche se sempre a benzina o diesel. Quanto al Superbonus, in attesa della proroga per tutti al 2023 che dovrebbe arrivare con la manovra, il sottosegretario Gava annuncia uno stanziamento di altri 8 miliardi. Prevista anche una norma 'anti licenziamenti': per le aziende che chiedono la cassa Covid entro giugno, il blocco è prorogato al 28 agosto. Inoltre, dal primo luglio le aziende che utilizzano la cassa ordinaria non dovranno pagare le addizionali a condizioni che non licenzino. Raddoppiano a 3.340 miliardi le risorse per il turismo. Sono 15,4 miliardi i ristori a fondo perduto. Aumenta di 120 milioni il fondo da 200 milioni per ristoranti e bar nei centri storici e organizzatori di nozze; 20 milioni a parchi tematici, acquari e zoo. Ristori a fondo perduto per 15,4 miliardi. Per i lavoratori dello spettacolo le tutele sono estese ai soggetti più deboli.

Il dl Sostegni-bis ha in dote circa 40 miliardi, destinati a creare occupazione, a sostenere le imprese e i lavoratori.

La conferenza stampa di Draghi

Il provvedimento contiene i ristori a fondo perduto, misure per la liquidità, un pacchetto per il lavoro, il rifinanziamento del Rem, fino ad uno stanziamento ad hoc di 100 milioni per le attività chiuse e fondi a favore di agriturismi e aziende vitivinicole. Stanziamenti anche a favore della sanità e della lotta al Covid. Ma vediamo la bozza punto per punto.

Sommario

Contributi a fondo perduto

"Il nuovo contributo a fondo perduto spetta nella misura del 100%" a tutte le partite Iva cui è già stato riconosciuto "ed è corrisposto dall'Agenzia  delle entrate", sono stanziati 8 miliardi per il 2021 a questo scopo. Esteso ai professionisti "a condizione che l'ammontare medio mensile del fatturato e corrispettivi del periodo dal primo aprile 2020 al 31 marzo 2021 sia inferiore almeno del 30% sul periodo dal primo aprile 2019 al 31 marzo 2020. Al fine di determinare correttamente i predetti importi, si fa riferimento alla data di effettuazione  dell'operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi", si legge nella bozza datata oggi. Sono previsti ulteriori 3,4 miliardi. Per chi lo ha già ricevuto il meccanismo è più articolato; è comunque entro il limite di 150 mila euro. Previsto anche per gli agrari che abbiano subito perdite, con uno stanziamento di 4 miliardi (di cui 3,15 miliardi gia' nelle disponibilita' dell'Agenzia delle Entrate). 

Affitti

Proroga al 31 luglio del credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda. 

Costi in bolletta e Tari

Proroga al 31 luglio del taglio degli oneri in bolletta per un costo per le casse dello stato di 150 milioni.  Con il decreto arriverebbe anche l'agevolazione sulla tassa sui rifiuti, Tari. Costo dell'operazione 600 milioni. "In relazione al perdurare dell'emergenza epidemiologica, al fine di attenuare l'impatto finanziario sulle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell'esercizio delle rispettive attività, è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell'interno, un fondo con una dotazione di 600 milioni di euro per l'anno 2021, finalizzato alla concessione da parte dei comuni di una riduzione della Tari", si legge nella bozza.

Reddito di emergenza

"Per l`anno 2021 sono riconosciute, su domanda, ulteriori quattro quote di reddito di emergenza, relative alle mensilità di giugno, luglio, agosto e settembre 2021", prevede la bozza. Per questo motivo è previsto uno stanziamento di 884,4 milioni di euro per l'anno 2021.  "La domanda per le quote di Rem è presentata all'Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps) entro il 31 luglio 2021 tramite modello di domanda predisposto dal medesimo Istituto e presentato secondo le modalità stabilite dallo stesso", specifica la bozza.

Famiglie in difficoltà

Bonus spesa, affitto e bollette per le famiglie in difficoltà. "Al fine di consentire ai comuni l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare, nonché di sostegno alle famiglie che versano in stato di bisogno per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche è istituito nello stato di previsione del Ministero dell'interno un fondo di 500 milioni di euro per l'anno 2021", si legge nella bozza. 

Scuola

La bozza del decreto Sostegni bis stanzia 470 milioni per la scuola per affrontare l'emergenza: ci sono 350 milioni per le statali, 50 per le paritarie e 70 milioni per gli affitti da parte di enti locali di strutture temporanee e spazi. Inoltre il dl sostegni contiene l'avvio del concorso ordinario: sono oltre 500 mila i candidati che attendevano speranzosi questa importantissima notizia. La procedura partirà subito ma sarà graduale, si comincia infatti con i docenti di materie Stem

Salute

"Al fine di conseguire l'autonomia produttiva di anticorpi nazionali per il contrasto al Coronavirus, di selezionati vaccini e di specifici antidoti per il bioterrorismo, è autorizzata la spesa di 16,5 mln di euro per l'anno 2021 per la realizzazione di un reparto di infialamento dei farmaci, da costituirsi all'interno dello Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze per le esigenze della sanità militare e della sanità pubblica". Lo prevede l'ultima bozza del Dl Sostegni bis nell'articolo 30 "Misure per lo sviluppo della sanità militare e della capacità produttiva nel settore vaccinale e antidotico".

Inoltre poco meno di 20 milioni di euro sono destinati al reclutamento straordinario sul territorio di psicologi, per "tutelare la salute e il benessere psicologico individuale e collettivo, tenendo conto, in particolare, delle forme di disagio psicologico dei bambini e degli adolescenti, conseguenti alla pandemia da Covid". 

Spettacolo

"Quella di oggi è una giornata storica per il settore dello spettacolo. Con il ministro del Lavoro Orlando abbiamo portato in Consiglio dei Ministri un pacchetto di misure significative per assicurare adeguate tutele assistenziali e previdenziali ai lavoratori dello spettacolo e correggere le numerose storture emerse negli ultimi anni e divenute non più sostenibili soprattutto dopo la pandemia", esulta il ministro della cultura Dario Franceschini parlando delle norme del decreto sostegni bis che rafforzano le tutele dei lavoratori dello spettacolo, dalle indennità di maternità a quelle per la malattia, dall'assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali al sistema pensionistico fino all'introduzione di una nuova indennità di assicurazione per la disoccupazione involontaria (Alas). 

Bonus alberghi

Arrivano altri 150 milioni per il fondo a sostegno del settore del turismo e un bonus alberghi. Il provvedimento prevede inoltre "per il rilancio della attrattività turistica delle città d'arte" un fondo, istituito al ministero del Turismo, con una dotazione di 50 milioni di euro per l'anno 2021, "destinato all'erogazione di contributi in favore dei comuni classificati dall'Istat a vocazione culturale, storica, artistica e paesaggistica, nei cui territori sono ubicati siti riconosciuti dall'Unesco patrimonio mondiale dell'umanità, tenendo conto delle riduzioni di presenze turistiche nell'anno 2020 rispetto al 2019, da destinare ad iniziative di valorizzazione turistica dei centri storici e delle città d'arte". Estese anche le agevolazioni fiscali previste dal decreto Agosto per il settore turistico.

Attività chiuse

Un fondo da 100 milioni di euro per "favorire la continuità delle attività economiche" che a causa delle misure di contenimento dal coronavirus siano state costrette, tra il primo gennaio 2021 e oggi, alla "chiusura per un periodo complessivo di almeno quattro mesi". Il 'Fondo per il sostegno alle attività economiche chiuse' sarà istituito nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico.  I soggetti beneficiari e l`ammontare dell`aiuto saranno determinati "sulla base dei criteri individuati, tenendo conto delle misure di ristoro già adottate per specifici settori economici nonché dei contributi a fondo perduto concessi", con decreto del Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell`economia e delle finanze, da adottarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto.  Il pagamento dovrà avvenire entro trenta giorni dal decreto.

Licenziamenti

Arriva una norma "anti licenziamenti" nel decreto Sostegni bis. La novità, voluta dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, sarebbe stata introdotta nel testo nel corso del Consiglio dei ministri. Per le aziende che chiedono la cassa Covid entro fine giugno, il blocco dei licenziamenti è prorogato al 28 agosto. Inoltre dal primo luglio le aziende che utilizzano la cassa ordinaria non dovranno pagare le addizionali a condizioni che non licenzino.

Cartelle fiscali

Arriva la proroga fino al 30 giugno del termine di sospensione delle cartelle fiscali e dei pignoramenti. "Restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e gli adempimenti svolti dall'agente della riscossione nel periodo dal 1 maggio 2021 alla data di entrata in vigore del presente decreto", si legge ancora nella bozza. 

Contratto di rioccupazione

Dall'entrata in vigore del Dl Sostegni bis "in via eccezionale" e fino al 31 ottobre 2021 è "istituto il contratto di rioccupazione quale contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato diretto a incentivare l`inserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori in stato di disoccupazione".  "Condizione per l'assunzione con il contratto di rioccupazione - si legge - è la definizione, con il consenso del lavoratore, di un progetto individuale di inserimento, finalizzato a garantire l'adeguamento delle competenze professionali del lavoratore stesso al nuovo contesto lavorativo. Il progetto individuale di inserimento ha una durata di sei mesi" in cui "trovano applicazione le sanzioni previste dalla normativa vigente per il licenziamento illegittimo".  
"Al termine del periodo di inserimento le parti possono recedere dal contratto", mentre "se nessuna delle parti recede il rapporto prosegue come ordinario rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato".  "Ai datori di lavoro privati, con esclusione del settore agricolo e del lavoro domestico, che assumono lavoratori con il contratto di cui al presente articolo è riconosciuto, per un periodo massimo di sei mesi, l'esonero dal versamento del 100 per cento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (Inail) nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile. Resta ferma l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche".
L`esonero contributivo è comunque limitato "ai datori di lavoro privati che, nei sei mesi precedenti l'assunzione, non abbiano proceduto a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo" o a licenziamenti collettivi.  Il beneficio contributivo riconosciuto nel limite di minori entrate contributive pari a 716,8 milioni di euro per l'anno 2021 e a 381,3 milioni di euro per l'anno 2022.

Liquidità delle imprese

Sono prorogate al 31 dicembre le misure per la liquidità delle imprese. Inoltre la durata massima dei finanziamenti con garanzia pubblica verrebbe estesa fino a 10 anni, dai sei precedenti.

Indennità stagionali

Indennità da 1.600 euro per i lavoratori stagionali. "Ai lavoratori dipendenti stagionali del settore del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il primo gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente decreto, che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel medesimo periodo, non titolari di pensione né di rapporto di lavoro dipendente né di Naspi alla data di entrata in vigore del presente decreto, è riconosciuta un'indennità onnicomprensiva pari a euro 1.600", si legge.

Tessile e moda

Credito d'imposta per il settore del tessile e la moda. L'onere della misura è pari a 170 milioni di euro per il 2021 e 150 milioni di euro per il 2022. 

Plastic tax

Proroga della sospensione dell'attività di riscossione al 30 giugno. Slitta inoltre al primo gennaio 2022 la plastic tax.

 Alitalia

Arriva un finanziamento fino a 100 milioni di euro, della durata massima di sei mesi, per garantire la continuità operativa e gestionale di Alitalia e delle altre societa' del gruppo.