Uno dei tunnel di Hampton Roads, in Virginia (Usa),. che finiranno sotto il controllo di Atlantia
Uno dei tunnel di Hampton Roads, in Virginia (Usa),. che finiranno sotto il controllo di Atlantia

Abertis Infraestructuras (controllata da Atlantia), in consorzio con Manulife Investment Management, ha raggiunto un accordo per l’acquisizione del 100% del capitale della società concessionaria (fino al 2070) dei tunnel Elizabeth River Crossings in Virginia, per un controvalore complessivo di circa 1 miliardo di euro. È quanto informa il gruppo secondo cui "nell’ambito del consorzio, Abertis deterrà dal 51% al 68% del capitale di Elizabeth River Crossings. Abertis (e quindi Atlantia) controllerà la società consolidandola integralmente nel proprio bilancio". "Con questa operazione – sottolinea Atlantia – che segue l’espansione in Messico annunciata a giugno con l’acquisizione di RCO, Abertis conferma la propria capacità di continuare a diversificare ulteriormente il proprio business all’estero, in particolare con questa ultima operazione in Paesi con un profilo di investimento a basso rischio come gli Stati Uniti".

L’accordo è stato siglato con Macquarie Infrastructure Partners II, un fondo gestito da Macquarie Infrastructure and Real Assets, e una controllata di Skanska AB. L’operazione, che prevede un controvalore di circa 1 miliardo di euro (equity), è soggetta all’approvazione di alcune autorità governative. I tunnel a pedaggio gestiti da Elizabeth River Crossings si trovano nella regione di Hampton Roads e sono tra le strade più trafficate dell’area metropolitana di Virginia Beach-Norfolk-Newport News.