ACCANTO alle responsabilità connesse alla carica di ad di Op Armonia, Marco Eleuteri, assieme alla sorella Laura, è titolare dell’Azienda Agricola Eleuteri di Civitanova Marche, dove, tra i declivi del Fermano e del Maceratese, la protagonista assoluta è la dolce pesca piatta. Un frutto, questo, al quale il polo produttivo marchigiano contribuisce per il 75% dei 100 ettari totali di colture di pesche piatte di Op Armonia, su una superficie totale nazionale pari solamente a 1.000 ettari, contro i 15mila della Spagna. Ancora per poco però, visto che il progetto triennale Pro-Plat, cofinanziato da Azienda Eleuteri e Regione Marche e partecipato da Università Politecnica delle Marche, Biomedfood e dall’Istituto di ricerca catalano Irta, si incaricherà di raddoppiare gli spazi riservati a questo frutto.

«E NON SI TRATTA – precisa Eleuteri – di una pesca qualsiasi, bensì delle nostre Saturnia e Saturnina». I marchi registrati di proprietà dell’azienda che identificano «varietà speciali, punto di arrivo di particolari tecniche colturali sintetizzate in un disciplinare produttivo rigidissimo, che le rende uniche e speciali». Apprezzate da amministratori e addetti ai lavori, Saturnia e Saturnina hanno stupito pure i maestri del gusto, a partire dal pluristellato chef Mauro Uliassi di Senigallia (nella foto), che da tempo le ha poste in cima alle sue preferenze. «Dal 2014, ormai, realizziamo insieme con lo chef menu speciali che, nell’ambito di Saturnia Gourmet Lab, nobilitino le nostre pesche – ha spiegato Eleuteri, – grazie agli abbinamenti ideati da Uliassi e al sapore inconfondibile del nostro fiore all’occhiello».

Lorenzo Pedrini