In Italia la Arval, azienda leader nell’offerta di servizi per la mobilità e nel noleggio di veicoli con un parco di 217.000 mezzi, punta ad assumere un ruolo di traino nella transizione del Paese verso la mobilità sostenibile. "Abbiamo l’ambizione di raggiungere entro il 2025 una quota del 25% di veicoli elettrici all’interno della nostra flotta", ha chiarito Stefan Majtán (nella foto), direttore generale della filiale della multinazionale del gruppo Bnp Paribas. Lo ha fatto a margine della presentazione del nuovo piano strategico globale ‘Arval Beyond’ per il 2020-2025 che ha l’obiettivo di trasformare l’azienda nel principale player mondiale proprio nel settore dei servizi per la mobilità sostenibile. Per il manager slovacco, la nuova visione permetterà di ampliare nello Stivale l’attuale disponibilità di prodotti alternativi e complementari al noleggio veicolare a lungo termine. Un’offerta che oggi si avvale di Arval Mid Term, il renting ‘flessibile’ da 1 a 24 mesi e del corporate car sharing. "Grazie ad Arval Beyond – ha chiarito – non saremo più autocentrici ma proporremo un ampio ventaglio di nuove proposte che puntano a soddisfare la richiesta crescente di ecosostenibilità che ci arriva dai nostri clienti. Un approccio smart nel segno della transizione energetica che sarà in grado di assicurare benefici tanto ambientali quanto economici per gli utilizzatori, in particolare per i dipendenti delle aziende nostre clienti e partner. Ci prepariamo inoltre a estendere ulteriormente la disponibilità di veicoli elettrici, a vantaggio dell’efficienza e della sostenibilità". Tra le novità annunciate c’è il debutto di Arval nel noleggio delle biciclette elettriche. "La nuova vision – ha spiegato Majtán – ci permetterà di rendere ancora più attraente e attrattivo il prodotto ‘verde’. Lo farà nel segno della sicurezza. Dai veicoli alimentati con motori tradizionali a quelli con propulsori ‘verdi’ questa è da tradizione Arval assolutamente al centro della nostra strategia. Il concetto vale anche per i nuovi prodotti, che sono assolutamente ‘smart’. E in quest’ottica è stato anticipato come l’affitto delle due ruote a pedali sarà accompagnato dal contestuale noleggio del caschetto protettivo".