di Achille Perego Dopo due rinvii (il 1° luglio e il 1° gennaio) esordirà domani (1° febbraio) la Lotteria degli scontrini. Il concorso che premia consumatori ed esercenti e, come il cashback, rientra nelle misure del governo per incentivare i pagamenti elettronici e combattere l’evasione fiscale. Ieri è arrivata la firma al provvedimento dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e dell’Agenzia delle entrate che, secondo quanto previsto dal Milleproroghe, ha dato il via alla lotteria. Che, però, com’era successo con il cashback, è già in salita per i ritardi nell’adeguamento dei registratori di cassa dei commercianti. Per Enrico Postacchini...

di Achille Perego

Dopo due rinvii (il 1° luglio e il 1° gennaio) esordirà domani (1° febbraio) la Lotteria degli scontrini. Il concorso che premia consumatori ed esercenti e, come il cashback, rientra nelle misure del governo per incentivare i pagamenti elettronici e combattere l’evasione fiscale.

Ieri è arrivata la firma al provvedimento dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli e dell’Agenzia delle entrate che, secondo quanto previsto dal Milleproroghe, ha dato il via alla lotteria. Che, però, com’era successo con il cashback, è già in salita per i ritardi nell’adeguamento dei registratori di cassa dei commercianti.

Per Enrico Postacchini (Confcommercio), metà degli esercizi non è pronto, visto che al 20 dicembre c’erano solo 700mila registratori di cassa abilitati su 1,4 milioni e al massimo oggi ne saranno stati aggiornati altri centomila.

Non solo, in un momento difficile per la pandemia, i negozianti, per adeguare i registratori e acquistare il lettore ottico del bar code, devono spendere circa 300 euro e per questo avevano chiesto un credito fiscale del 50%. Se per Confcommercio "si parte zoppi in un momento sbagliato" ed "è ridicolo" pensare che così si combatte l’evasione, anche per il segretario generale di Confesercenti Mauro Bussoni sarebbe stato meglio impiegare i 5 miliardi stanziati per caskback e lotteria per modernizzare e digitalizzare il settore e abbassare le commissioni bancarie. Bussoni ha escluso un aumento dei prezzi mentre Massimiliano Dona (Unc) ha replicato ai commercianti: "Vorrà dire che i consumatori premieranno i negozianti che sono già pronti".

Se il governo non ha accolto la richiesta di un’ulteriore proroga, solo dal 1° marzo i consumatori potranno segnalare sul portale (www.lotteriadegliscontrini.gov.it) gli esercenti che non accettano il codice lotteria, e che per questo non avranno sanzioni. Inoltre ci sarà tempo fino al 1° aprile per aggiornare i registratori.

Da domani, spiega l’Agenzia delle Entrate, gli acquisti di beni e servizi potranno generare biglietti virtuali validi per partecipare alla prima estrazione mensile, giovedì 11 marzo, che distribuirà premi da 100mila euro a 10 acquirenti e da 20mila a 10 esercenti a fronte degli scontrini di febbraio. Da giugno (il 10) si aggiungeranno le estrazioni settimanali (15 premi rispettivamente da 25mila e 5mila euro) e a inizio 2022 si terrà la prima estrazione annuale (5 milioni a un acquirente e 1 milione a un esercente).

Per partecipare è sufficiente essere maggiorenni e residenti in Italia e mostrare il codice a barre e alfanumerico che si può ottenere inserendo il proprio codice fiscale sul portale della lotteria. Se si paga con carte di credito, bancomat, prepagate e app, lo scontrino elettronico che l’esercente invia telematicamente produrrà un biglietto virtuale per ogni euro speso, fino a un massimo di mille biglietti per ogni scontrino di importo pari o superiore a mille euro.

Non possono partecipare alla lotteria gli acquisti in contanti, quelli online e quelli per i quali si emette fattura o consentono detrazioni o deduzioni fiscali come le spese sanitarie. Le vincite sono comunicate tramite Pec eo raccomandata e si hanno 90 giorni di tempo per recarsi negli uffici dell’Agenzia dei monopoli per il bonifico bancario o postale del premio.