Il cda di Saipem ha approvato i conti del primo semestre, che risentono dell’effetto Covid. I ricavi calano 3,675 miliardi (-18,7%), dimezzato l’Ebitda a 271 milioni (-52,8%), mentre l’Ebit vira in negativo per 711 milioni (era positivo per 262 milioni l’anno scorso). La perdita netta è di 885 milioni, mentre a metà 2019 si registrava un utile di 14. Pesano le svalutazioni e oneri per 753 milioni, di cui 493 nel secondo trimestre. "In una situazione complessa dal punto di vista operativo e gestionale siamo riusciti ad andare avanti: navi e cantieri non si sono fermati e i progetti che abbiamo non sono stati cancellati anche se alcuni di essi sono stati ritardati per motivi fattuali o per scelta del cliente", il commento del ceo Stefano Cao. Il titolo ha perso il 9% in Borsa.