RIMINI

RIPARTE L’IT Forum di Rimini. L’appuntamento per l’edizione 2019 del più importante evento dedicato al mondo del trading, è il 12 e 13 giugno al Palacongressi della città romagnola. Una ripartenza che punta, con 100 espositori, più di cento workshop, 300 speaker e 60 sponsor a superare il successo registrato nel 2018 quando l’IT Forum riminese aveva registrato 5.224 visitatori. L’edizione di quest’anno, spiega Vito Massafra, project manager di IT Forum e di Blue Financial Communication (BFC), società quotata all’Aim e principale azionista dell’organizzatore dell’evento riminese, la Investment & Trading Events, presenta alcune rilevanti novità. Oltre infatti alla 21ma edizione di ITForum, il Palacongressi terrà a battesimo la prima edizione di Forbes Digital Summit mentre la sera del 12 giugno si terrà presso il Grand Hotel di Rimini la terza edizione del FinTech Age Awards.

Come si distingue l’edizione riminese dell’IT Forum da quella di Milano?

«Le due manifestazioni hanno un format simile ma l’edizione riminese si connota perché fortemente scenografica con 100 stand espositivi ospitati dal Palacongressi. L’edizione milanese, che si è attestata come il più importante evento lombardo nel settore del trading e degli investimenti, è pensata per un target più professionale e ha all’interno una buona componente di consulenza finanziaria data soprattutto dai Bluerating Awards, i premi assegnati da Bluerating ai migliori consulenti finanziari d’Italia».

Quali sono gli aspetti innovativi e gli eventi da segnalare per questa edizione riminese?

«In primis lo spostamento della manifestazione alle giornate di mercoledì e giovedì per andare incontro alle richieste dei nostri affezionati visitatori - risponde Massafra -. Passando alla didattica, avremo grandi ospiti internazionali: i due famosissimi trader statunitensi Dan Gramza e Rob Hoffman e i due più importanti trader transalpini Nabil Berouag e Tarek Elmarhri. Ci saranno focus importanti su crypto, green trading e space economy. Inoltre abbiamo organizzato un workshop durante il quale si potranno ascoltare le storie di Carlo Alberto De Casa (ActivTrades), Angelo Ciavarella (Infinox) e Federico Cirulli (Swissquote), tre italiani che all’estero si sono contraddistinti nel settore della finanza. Parleremo delle loro storie e di come sono riusciti a emergere e a dar lustro al nostro Paese».

Perché avete ideato il primo Forbes Digital Summit?

«Abbiamo pensato, assieme a Forbes Italia, che IT Forum fosse la manifestazione adatta per portare le grandi aziende digitali che stanno rivoluzionando il mondo a contatto con investitori, risparmiatori e professionisti della finanza. Nella Forbes Arena aziende come Vodafone, LinkedIn, Uber, Club Deal, Giunti, Sisal Pay, Nexi, Colt, Google Cloud, Generali, Zurich, Aruba Enterprise, N26, Oracle e tante altre spiegheranno ai presenti la rivoluzione digitale in atto che si ripercuote, sempre e in tutti i settori, sugli investimenti. Nella serata tra il primo e il secondo giorno di manifestazione, saranno assegnati inoltre per il terzo anno consecutivo i FintechAgeAwards. Al Grand Hotel di Rimini saranno premiate le società italiane maggiormente attive nel settore del fintech durante un evento a marchio Forbes Live».

Che ruolo ha IT Forum per il mercato e gli operatori?

«Sarebbe facile dire che IT Forum ha un ruolo centrale. Secondo me, invece, al centro di questo settore ci sono gli investitori, i risparmiatori e gli operatori. IT Forum è l’unica manifestazione che da 20 anni mette assieme questi tre attori. Continuiamo a farlo con passione e selezionando sempre gli esperti e i temi di maggiore interesse».

Quanto è importante per IT Forum l’educazione finanziaria?

«E’ importantissima. Il livello di educazione finanziaria in Italia non è altissimo. IT Forum organizza anche workshop dedicati a coloro i quali non hanno nozioni di finanza e vogliono iniziare a comprendere il funzionamento dei mercati».