Il premier Giuseppe Conte (Ansa)
Il premier Giuseppe Conte (Ansa)

Roma, 28 novembre 2020 - Il Recovery plan affidato a una cabina di regia politica e manageriale. E' l'ipotesi che emerge dalla riunione di Governo a Palazzo Chigi. Argomento del vertice il Recovery fund. La struttura che dovrebbe guidare la realizzazione del piano potrebbe essere composta dal comitato interministeriale affari europei, da un un organo politico composto dal premier Giuseppe Conte, dal ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, dal ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, e da un comitato costituito da manager, probabilmente 6.

A quanto emerge dalla riunione di Conte con i capi delegazione, i sei manager potrebbero essere responsabili degli obiettivi del Recovery, anche con poteri sostitutivi rispetto ai soggetti attuatori. E sarebbero coadiuvati da una task force di 300 persone. Le sei missioni che sarebbero affidate ai manager sono: digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per la mobilità; istruzione, formazione, ricerca e cultura; equità sociale, di genere e territoriale; salute.