Amazon apre le porte alla seconda edizione di Technovation, il più grande programma imprenditoriale tech per ragazze. La sede corporate di Amazon a Milano ospiterà momenti di incontro assieme ad alcuni dipendenti che faranno da mentori per sensibilizzare le ragazze dai 10 ai 18 anni ad avvicinarsi alle materie Stem e renderle consapevoli delle loro potenzialità come innovatrici del futuro. Fino a marzo, Amazon ospiterà momenti di incontro e presentazione dedicati alla sfida che Technovation rivolge a studentesse dai 10 ai 18 anni (compiuti entro agosto 2020) di tutto il mondo, interessate alla tecnologia, anche senza una precedente formazione nel coding, e che vogliono mettersi alla prova nella creazione di un’app.

A coloro che si iscriveranno al programma, Amazon metterà a disposizione figure specializzate che faranno da mentori per aiutare le partecipanti a ideare il progetto, sviluppare l’app, costruire un business plan efficace e presentare le idee davanti a una audience, in vista della presentazione mondiale (agosto 2020) con la quale le vincitrici si aggiudicheranno un’esperienza in Silicon Valley. È possibile iscriversi e partecipare agli eventi di presentazione “Discover Technovation in Amazon Italia” presso gli uffici di Amazon a Milano attraverso il sito https:discovertechnovationamazon.splashthat.com Il 74% delle adolescenti nel mondo dimostrano interesse verso le materie Stem, eppure le studentesse iscritte a tali discipline sono appena il 30% della popolazione. In Italia, la percentuale di donne che occupano posizioni tecnico-scientifiche è tra le più basse al mondo, appena il 31,7%, e solo il 5% della popolazione delle studentesse quindicenni aspira a intraprendere questo percorso professionale.

Il supporto di Amazon Italia a Technovation conferma l’impegno di Amazon nel supportare giovani studentesse nello studio delle discipline Stem: sono ancora aperti, ad esempio, i bandi per aggiudicarsi le borse di studio Amazon Women in Innovation, in collaborazione con il Politecnico di Milano, il Politecnico di Torino e l’Università Tor Vergata di Roma.