Sabato 20 Luglio 2024
EMILY POMPONI
Economia

Ecco quanto si guadagna con Airbnb

Affittare un immobile per un breve periodo e renderlo una casa vacanze può fruttare anche fino a 5mila euro al mese: ecco come calcolare il compenso

Airbnb, l'app per gli affitti brevi

Airbnb, l'app per gli affitti brevi

Roma, 2 agosto 2023 - Si sa, quella della locazione turistica è diventata una pratica assai diffusa. Tantissimi proprietari, infatti, oggi preferiscono affittare un secondo immobile per brevi o medi periodi piuttosto che ricorrere alla locazione classica. Questo perché, con l’affitto breve si può guadagnare anche il 30% in più rispetto all’affitto tradizionale. Ma non solo proprietari immobiliari vi ricorrono: parecchie persone prendono in locazione una casa e la subaffittano come casa vacanze; ciò significa che, al netto delle spese di affitto e di gestione, esiste un reale guadagno anche per chi subaffitta stanze e appartamenti per brevi periodi. Una delle piattaforme più note in questo senso è la statunitense Airbnb, il portale online numero uno per la prenotazione di alloggi di breve periodo. Ma quando si guadagna con Airbnb? Scopriamolo insieme.

Approfondisci:

Affitti brevi: le nuove regole. Divieto, ma solo se non hai 3 figli. Il ddl fa infuriare le categorie

Affitti brevi: le nuove regole. Divieto, ma solo se non hai 3 figli. Il ddl fa infuriare le categorie

Quanto si guadagna su Airbnb?

Il guadagno ricavato da affitto tramite piattaforme come Airbnb è determinato da diversi fattori. Tutto dipende dal tipo di struttura, dalla città in cui si trova nonché dal quartiere e dai servizi che offre. Una casa di lusso e in pieno centro storico rende automaticamente di più rispetto a una abitazione ubicata in periferia. Questo perché un eventuale ospite è disposto a pagare di più per la posizione, la vista sui monumenti o il design. Ciò non toglie che anche una casa posizionata in periferia possa rendere al proprietario una buona entrata passiva tramite affitto breve.

Esempio rendita casa su Airbnb

Se prendiamo un trilocale medio a Roma in zona Marconi, ad esempio, adibito a casa vacanze e messo in affitto su Airbnb a 180 euro a notte si può avere una rendita mensile dai 3.500 ai 5.400 euro. Tutto dipende dal numero di giorni in cui si riesce ad affittare l’appartamento in un mese. Inoltre, a questo compenso vanno sottratti i costi di servizio di Airbnb. In media, il guadagno stimato per un appartamento è di circa 2000 euro.

Percentuale Airbnb sugli affitti

Airbnb applica una percentuale di tassazione sul guadagno degli host pari al 14-16%. Di base, più lungo è il soggiorno degli ospiti e minore è la tassa. Caso diverso invece per quegli host che applicano termini di cancellazione “super rigidi”, dove Airbnb potrebbe richiedere anche di più del 16%. Ad ogni modo, il costo del servizio hosting viene calcolato moltiplicando il costo totale della prenotazione per la percentuale applicata dalla piattaforma. Tale costo viene direttamente detratto dal compenso dal proprietario della struttura.

Approfondisci:

Uffici e negozi: in Europa calo dei volumi ma aumentano gli affitti

Uffici e negozi: in Europa calo dei volumi ma aumentano gli affitti

Come si calcola il compenso su Airbnb

Per calcolare il compenso di un host sulla piattaforma è necessario partire dal prezzo medio per notte. A questi vanno detratti costi aggiuntivi (pulizie, ospiti extra, ecc.), i costi del servizio host di Airbnb sopra citati ed eventuali compensi di co-hosting. Per questo, il prezzo totale che visualizzano gli ospiti che vogliono prenotare sulla piattaforma è maggiore rispetto al compenso del proprietario della struttura. Ad ogni modo, spetta al proprietario dell’appartamento scegliere il prezzo della struttura per notte.