4 mar 2022

Guerra in Ucraina, come possiamo bloccare Putin? Ecco le armi in mano all'Occidente

Impossibile intervenire direttamente. Ma si possono fare altre sanzioni, tagliare il gas russo e inviare aiuti militari

alessandro farruggia
Esteri
Alcuni civili in fuga con i loro bagagli tra le macerie di Kiev. Più di un milione e 200mila persone hanno lasciato il Paese
Alcuni civili in fuga con i loro bagagli tra le macerie di Kiev

Il Putin degli ultimi anni comprende solo un linguaggio di potenza. Per questo serve di più contro il Cremlino per fermare l’offensiva militare contro l’Ucraina e spingere la Russia alla trattativa. Ma cosa? Le Cancellerie stanno valutando varie ipotesi, ecco quelle più accreditate. ESTENSIONE DELLE SANZIONI Tra le ipotesi quella di colpire altre banche, bloccare completamente l’export di attrezzature per l’industria petrolifera e ogni tipo di prodotto ad alta tecnologia, compresi computer, server e batterie, e di incentivare la chiusura delle sedi russe di aziende occidentali e il commercio di prodotti occidentali, prevedendo incentivi fiscali per le aziende che si ritirano dal mercato russo. Tra gli obiettivi colpire l’occupazione in Russia. Solo la già annunciata chiusura di Ikea, che in Russia ha 17 superstore, provocherà 15 mila licenziamenti diretti. La perdita di posti di lavoro, che sarebbe temporanea ma immediatamente efficace, accrescerebbe la pressione popolare contro il Cremlino. TAGLIO DELL’IMPORT  DI GAS RUSSO Colpire l’export di gas è una arma potenziale, ma dannosa anche per chi lo importa. La comunità internazionale sta però lavorando a un pacchetto ‘ragionevole’ ma significativo. Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie) sarebbe possibile tagliare di un terzo l’export di gas – 50/60 BCM (miliardi di metri cubi) su 155 BCM importati in Europa – in un solo anno, a costi accettabili. Ecco gl interventi ipotizzati da Aiea: non sottoscrivere nessun nuovo contratto di fornitura di gas con la Russia; diversificare le forniture di gas; introdurre obblighi minimi di stoccaggio del gas per rafforzare la resilienza del mercato; nuovi progetti eolici e solari; massimizzare la produzione da fonti esistenti a basse emissioni come bioenergia e nucleare; velocizzare la sostituzione delle caldaie a gas con le pompe di calore; accelerare i miglioramenti dell’efficienza energetica negli edifici e nell’industria; incoraggiare una regolazione temporanea del termostato da parte dei ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?