In corsia
In corsia

Roma, 23 dicembre 2018 - Nella manovra economica spunta una deroga sulle professioni sanitarie che minaccia di far discutere. La norma prevede l'iscrizione agli ordini per chi ha svolto professioni sanitarie senza il possesso di un titolo abilitante per l'iscrizione all'albo. Il riferimento è a tecnici sanitari e di laboratorio, tecnici della riabilitazione e della prevenzione, che potranno continuare a svolgere l'attività professionale iscrivendosi in appositi elenchi speciali, se hanno lavorato per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni. E infatti le associazioni di professionisti hanno subito definito il provvedimento "un'assurdità totale".

Manovra, Di Maio: "Troppe balle di Natale". E pubblica un quiz vero-falso

Nel comma 283 bis si legge che "ferma restando la possibilità di avvalersi delle procedure per il riconoscimento dell'equivalenza dei titoli del pregresso ordinamento alle lauree delle professioni sanitarie di cui alla legge 1 febbraio 2006 numero 43, coloro che svolgono o abbiano svolto un attività professionale in regime di lavoro dipendente o autonomo, per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni possono continuare a svolgere le attività professionali previste dal profilo della professione sanitaria di riferimento, purché si iscrivano, entro il 31 dicembre 2019, negli elenchi speciali ad esaurimento istituiti presso gli ordini dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche di della riabilitazione e della prevenzione".