Un’estate da dimenticare per il turismo italiano: il leggero recupero di agosto, grazie soprattutto al mercato italiano, non salverà una stagione che chiude con 65 milioni di presenze in meno e che vedrà il settore archiviare il 2020 con perdite da 100 miliardi (tra le più penalizzate le città d’arte). È l’amaro bilancio stilato da Confturismo Confcommercio e Assoturismo Confesercenti, che chiedono al governo "risorse adeguate", puntando in...

Un’estate da dimenticare per il turismo italiano: il leggero recupero di agosto, grazie soprattutto al mercato italiano, non salverà una stagione che chiude con 65 milioni di presenze in meno e che vedrà il settore archiviare il 2020 con perdite da 100 miliardi (tra le più penalizzate le città d’arte). È l’amaro bilancio stilato da Confturismo Confcommercio e Assoturismo Confesercenti, che chiedono al governo "risorse adeguate", puntando in particolare sul Recovery Fund, e una rimodulazione del bonus vacanze.

Giugno con fatturati azzerati, luglio con andamento a singhiozzo, agosto con numeri ridotti, permanenze medie più brevi e spesa contratta, mentre le prospettive per settembre - alla luce dei nuovi numeri della pandemia - sono ridimensionate rispetto a quelle previste solo due mesi fa. È la fotografia scattata, per conto di Confturismo Confcommercio, da Swg che ha registrato per la prima volta, tra luglio e agosto, un calo - da 65 a 63 punti su scala da 0 a 100 - dell’indice di fiducia del viaggiatore, che indica appunto la propensione degli italiani a viaggiare. "A fine marzo ipotizzavamo una perdita di valore della produzione del turismo nel 2020 nell’ordine dei 100 miliardi di euro: allora sembrava una visione eccessivamente drammatica, ma ogni giorno che passa ci avviciniamo sempre più alla sua concretizzazione", commenta Luca Patanè, presidente di Confturismo-Confcommercio, che al governo chiede "risposte adeguate per fare un salto di qualità. Con le risorse del Recovery Fund si può fare molto, ma bisogna mettere il turismo al centro delle politiche attive per la ripresa".

Per Assoturismo Confesercenti nel trimestre giugno-agosto le presenze nelle strutture ricettive ufficiali in Italia si sono fermate a 148,5 milioni, oltre 65 milioni in meno rispetto al 2019 (-30,4%), con un calo più forte nell’alberghiero (-32,6%) rispetto all’extralberghiero (-27,5%). A pesare, in particolare, il crollo peggiore delle attese (-65,9%) della domanda estera: sono sparite due presenze straniere su tre. In crescita, invece, i turisti italiani (+1,1%), ma solo nell’extralberghiero (+5,5%). La tendenza negativa ha investito soprattutto il Nord Ovest (-34,2%) e il Nord Est (-34,4%); meglio è andata al Centro (-31,3%), più contenuto il calo per Sud e Isole (-20,4%).